Home / RECENSIONI / Avventura / Jungle Cruise – La famosa attrazione Disney diventa un film – Recensione

Jungle Cruise – La famosa attrazione Disney diventa un film – Recensione

Jungle Cruise: Dwayne Johnson e Emily Blunt protagonisti del film, diretto dal regista di “Run All Night – Una notte per sopravvivere”, che porta in vita la celebre attrazione dei parchi Disney. Al cinema dal 28 luglio e dal 30 luglio in streaming su Disney+ con Accesso VIP a pagamento.

In piena Prima Guerra Mondiale, la dottoressa britannica Lily Houghton (Emily Blunt) e suo fratello McGregor (Jack Whitehall) sono desiderosi di organizzare una ricerca in Amazzonia per trovare l’Albero della vita, già cercato dai Conquistadores qualche secolo prima.

Il mondo scientifico di Sua Maestà è però scettico sulla questione, e senza questo appoggio Lily è costretta a “prendere in prestito” il materiale utile alla missione, e partire in fretta e furia per il Brasile.

Una volta arrivati incontreranno il Frank (Dwayne Johnson), capitano del battello turistico Jungle Cruise, che sarà presto ingaggiato per portarli nel cuore del Rio delle Amazzoni.

La sua forza sovrumana e la sua conoscenza della regione saranno più che fondamentali: l’equipaggio non dovrà solo sopravvivere a rapide infernali e belve feroci, ma anche al Secondo Reich: sulle tracce dell’Albero della Vita c’è anche il principe tedesco Joachim (Jesse Plemons), deciso ad usare quel potere per vincere la Grande Guerra.

Cosa funziona in Jungle Cruise

Dopo “Pirati dei Caraibi“, un’altra storica attrazione di Disneyland diventa un film live-action, e Jungle Cruise riesce ad essere molto di più un omaggio ai parchi a tema rispetto ai film con Johnny Depp.

Non è solo un’avventurosa storia fatta di rapide, animali esotici e luoghi misteriosi, ma anche una simpatica parodia di essa. Prima di prendere la famiglia Houghton con sé, Frank si limitava a fare da guida turistica suo battello, tra animali “animatronici” e percorsi ad ostacoli, il tutto condito da una serie di battute e freddure poco riuscite.

Uno dei punti di forza del nuovo film di Jaume Collet-Serra è dunque una grande cura dei particolari riguardo alle scenografie, e un’ottima regia nei confronti delle scene d’azione, capace di far vivere il pericolo in prima persona allo spettatore, come se stesse davvero sul battello dell’attrazione.

Pirati dei Caraibi” battuti anche per quel che riguarda l’eterna giovinezza: questo mito multiculturale era stato appunto trattato, e in maniera molto deludente, nel quarto capitolo della saga, “Oltre i confini del mare”, mentre in Jungle Cruise funziona decisamente meglio, e complice anche l’ambientazione novecentesca, troviamo una storia molto più simile a quella di “Paperino e la fonte della giovinezza” del leggendario fumettista Carl Barks.

Cast decisamente sopraffino che nella nostra versione ha potuto contare su grandi professionisti del mondo del doppiaggio: gli affezionati Saverio Indrio, Domitilla D’Amico e Massimo Rossi su Dwayne Johnson, Emily Blunt e Paul Giamatti, il giovane Emanuele Ruzza su Jack Whitehall, il camaleontico Edoardo Stoppacciaro su Jesse Plemons, il decisamente spagnolo Diego Suarez su Édgar Ramírez, e all’inizio del film abbiamo sentito anche Franco Mannella su Andy Nyman.

Perché non guardare Jungle Cruise

Una bella sorpresa rovinata da un finale che si può perlomeno definire non all’altezza della leggenda, e per spiegarne i motivi, ci tocca fare un piccolo spoiler.

Al pari del Santo Graal, o di El Dorado, anche l’Albero della Vita doveva restare un mito irrisolto, perché la sua rivelazione al mondo avrebbe condotto nuovi umani malvagi a compiere crimini contro l’umanità pur di ottenere i suoi magici poteri. E invece alla fine gli Houghton annunciano la scoperta alla comunità scientifica di Londra…

Un finale che apre decisamente la porta a una saga, una scelta economica della Disney già definita prima del rilascio, ma che dal punto di vista artistico lascia parecchio a desiderare.

Jungle Cruise è al cinema dal 28 luglio e dal 30 luglio in streaming su Disney+ con Accesso VIP a pagamento distribuito da Disney.

Regia: Jaume Collet-Serra Con: Dwayne Johnson, Emily Blunt, Edgar Ramirez, Jack Whitehall, Jesse Plemons, Paul Giamatti, Andy Nyman, Dani Rovira, Ilana Guralnik, Quim Gutiérrez, Mark Ashworth, Sulem Calderon, Annika Pampel, Quintin Tyler Price, James William Ballard, Veronica Falcón Anno: 2021 Durata: 127 min. Paese: USA Distribuzione: Walt Disney

About Valerio Brandi

Guarda anche

il-ragazzo-piu-bello-del-mondo-recensione-film-copertina

Il Ragazzo più Bello del Mondo – Recensione del documentario sulla vita di Björn Andrésen

Il Ragazzo più Bello del Mondo: a 50 anni dalla anteprima mondiale di Morte a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.