jiu-jitsu-recensione-del-bluray-film-copertina
Home / HOME VIDEO / Jiu Jitsu – Recensione in Anteprima del Bluray del film con Nicolas Cage e Tony Jaa

Jiu Jitsu – Recensione in Anteprima del Bluray del film con Nicolas Cage e Tony Jaa

Jiu Jitsu: Il regista e sceneggiatore di Kickboxer: Retaliation, Dimitri Logothetis, torna in home video con uno sconclusionato film d’azione con un cast d’eccezione. Ora disponibile in Bluray dal 29 settembre con Eagle Pictures su licenza IIF.

Allora ragazzi ieri sera tutto gasato mi piazzo davanti alla TV che c’è Nicolas Cage in modalità SUPER CRAZY che mena tutti, con lui una pletora di gente che mena bene, il grande Tony Jaa, il simpatico e capace Frank Grillo e un altro paio di nomi tosti, quindi pronto con pizza, birra e aspettative altissime schiaccio PLAY ed inizia la magia :rulez:.

Haimè, lo dico subito, il film è INCREDIBILMENTE brutto, ma non brutto che poi fa il giro e diventa bello… è proprio un BRUTTO FILM.

Il lungometraggio, come già notato da molti guardando il trailer, è una sorta di Predator a mani nude, ambientato in un paese dell’Indocina tipo la Birmania o una cosa cosi…

La storia è presto detta: dallo spazio ogni 6 anni arriva un alieno a combattere contro i best fighter locali, riusciranno i nostri eroi a sconfiggere la minaccia aliena anche a questo giro??

L’opera filmica parte davvero male: una strana intro a fumetti sfuma in una scena in cgi degna di un videogioco della Playstation 2.

Capisci subito che non c’è da aspettarsi nulla di buono almeno dal comparto FX, però qualche speranza rimane, infatti subito dopo i titoli di testa appare un Nicolagabbia con un cappellone di paglia intrecciata che ti ricorda il sommo Raiden di Mortal Kombat e un poco ci speri..

Speranze mal riposte, infatti non solo gli effetti speciali sono PESSIMI, tutti nessuno escluso, ma anche trama, regia, recitazione e musiche sono il peggio possibile.

Come già detto la trama è risibile, un pretesto banalissimo per far menare tutti come boscimani.

I personaggi hanno la profondità di un bicchiere d’acqua mezzo vuoto e recitano tutti male, tutti i dialoghi sono stupidi e mal scritti, in versione originale c’è poco pathos, guardando il film ridoppiato in italiano ti sanguinano le orecchie.

Nicolas è Nicolas PAZZO e mena ma non ha nulla di meritevole, l’han chiamato e gli han detto: “fai qualche battuta gagliarda ed agita i capelli lunghi ed unti mentre fingi di fare a botte” Detto fatto. Nicolas interpreta se stesso.

Frank Grillo ha l’espressività di un cane che si stupisce per le puzze che fa col sedere ma almeno sa far andare le mani, anche se per come è girato il film si gode poco del gesto atletico.

Tony Jaa vabbe….. povero ragazzo, usato come la peggio comparsa. non viene valorizzato come si dovrebbe valorizzare un artista delle arti marziali del suo calibro, un gran peccato.

Gli altri personaggi totalmente inutili….. anche loro grandi botte ma spesso ti chiedi: “Ma questo chi è? Da dove è uscito? Ma si era già visto?”

Parlando invece del cattivone venuto dallo spazio che dire, è poco intrigante, umanoide nell’aspetto ha le movenze e lo stile di comabttimento che ricordano il buon Yoshimitsu di Tekken, ha pure la spada, è cattivo e spietato ma anche lui zero carisma, il nome ci piace, sembra quello di un detersivo, si chiama BRAX.

Essendo il film una brutta copia di Predator anche BRAX è una brutta copia dell’alieno del film di McTiernam: ha la visione “termica”, ti sgama il cuore che batte, invece del laserone sulla spalla spara delle stelline ninja “infinite” con un’accuratezza degna di fucile a piombini delle giostre, può diventare invisibile e ha pure l’autorigenerazione delle ferite… bruttissimo l’effetto del “volto”, perennemente avvolto da una sorta di nebbia si rivela solo quando si incavola di brutto.. vera spazzatura.

Veniamo alle BOTTE, alla fine è un film dove si menano…. come se le danno?

Se le danno bene ma non si capisce molto.

Ci sono continui cambi di “stile” di ripresa, pezzi in POV, inquadrature camera a mano che fanno venire il maldimare, scene in slow motion, parti velocizzate…. scene decenti in cui si capisce qualcosa ed altre in cui non si capisce davvero nulla..

Ovviamente di JIU JITSU non si vede poi molto, nel senso Grillo fa BRAZILIAN jiujitsu che non centra una fava con quello giapponese. Tony Jaa fa boxe tay e boh gli altri fanno altre cose…. anche con vari attrezzi, tipo bastoni, spade tonfa e nunchaku; io nn sono super esperto di arti marziali ma guardando su YouTube il jiujitsu pare diverso da quel che si vede nel film, però potrei sempre sbagliare.

Come anticipato gli effetti speciali meritano una menzione d’onore. SONO OSCENI, davvero degni di una consolle di 2 generazioni fa, se non 3 e non si fondono bene con il girato, è tutto posticcio e palesemente fatto al risparmio, filtri brutti che manco su Instagram e CGI davvero davvero scadente.

Singolari anche le parti di intermezzo “a fumetto” che scandiscono i vari capitoli del film, ma sono presto spiegate: questa grande pellicola è basata sul conosciutissimo comic book di Dimitry LogothetisJiu Jitsu” del 2017.

Dimitry , che oltre a fare il fumetto ha pure scritto e diretto questo film (grazie DIMITRY), si auto cita mettendo questi richiami che a mio parere centrano davvero poco con lo stile ed il ritmo del film.

Per concludere, come scritto in apertura è UN BRUTTO FILM, davvero mal girato, scontato e banale, il cast è mal gestito, per quanto Nicolas possa piacere o meno è uno del mestiere e poteva essere “usato” in maniera un cicino più gustosa, idem per gli altri interpreti, tutti dalle grandi doti “manesche” ma davvero mal sfruttati, mi piange il cuore a ripensare alle scene di Tony “dov’è il mio elefante” Jaa.

Ma alla fine questo Jiu Jitsu un pregio lo ha, dura poco e questo basta ad elevarlo al di sopra di quella spazzatura atomica di “La Guerra di Domani” con Criss Pratt che è davvero il film più brutto di sempre.

Distribuito da Eagle Pictures, su licenza e produzione IFF e LMG, il Bluray di Jiu Jitsu mostra un quadro video di qualità al netto della pessima CGI utilizzata. Durante la visione non abbiamo riscontrato segni di cedimento o perplessità dovuti alla compressione.

Il versante audio offre due tracce in 5.1 DTS HD MA, sia per il doppiaggio italiano che per la lingua originale. Tecnicamente sono due tracce perfettamente godibili tuttavia sono le recitazioni e i dialoghi del film che le affossano.

Non sono inclusi extra di approfondimento.

About paololutha

Guarda anche

racconti-cinema-gioco-gerald-carla-gugino-copertina

Racconti di Cinema – Il gioco di Gerald di Mike Flanagan con Carla Gugino e Bruce Greenwood

Ebbene, oggi recensiamo un film piuttosto recente, cioè Il gioco di Gerald. Firmato dal regista di Doctor …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.