Home / RECENSIONI / Commedia / Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande: Alessandro Gassmann torna alla regia con una commedia che ragiona sulla famiglia, su ciò che lascia, e ciò che non va via.

Villa Primic, un tempo lussuosa dimora, ora scricchiolante magione che sembra uscita da un racconto di fantasmi, è stata messa in vendita. Una decisione dolorosa, presa dalla signora Primic, Rose, e condivisa a dai due eredi della fortuna dilapidata della famiglia, Massimiliano e Adele: l’unico che non è affatto contento è il capofamiglia, Valerio, che scoprirà di non aver mai davvero conosciuto i suoi cari e, forse, nemmeno se stesso, fino a raggiungere l’amara consapevolezza che vivere non significa essere vivi.

Cosa funziona ne Il Silenzio Grande

Un adattamento teatrale per un cast notevole: Massimiliano Gallo, Margherita Buy e una fantastica Marina Confalone, per la nuova prova alla regia di Alessadro Gassmann. Una struttura classica, apparentemente, che offre spunti per ragionare sul valore della parola scritta, ma su quanto alcuni principi siano eccessivamente rigidi e sopravvalutati rispetto a quella che è la vita vera, che prosegue al di fuori dello studio dove si è rintanato il capofamiglia, Valerio, scrittore un tempo di successo.

Gassmann, che si ritaglia anche un simpatico cameo, sembra riflettere sulla figura del padre (compreso anche il suo), soprattutto se di successo, e la sua influenza sui figli e sulla sua presenza anche nell’assenza.

Perché non guardare Il Silenzio Grande

Girato tutto all’interno della casa di proprietà della famiglia Primic, il film è caratterizzato da alcune scene fantasiose che forzano la struttura teatrale della storia, e che a volte sembrano pretestuose, anche se in diversi momenti, sono molto divertenti e danno al film una vitalità e originalità particolari.

Il Silenzio Grande è stato presebtato alle Giornate degli autori della 78a mostra del cinema di Venezia e sarà in sala a partire dal 16 settembre distribuito da Vision Distribution.

Regia: Alessandro Gassmann Con: Massimiliano Gallo, Marina Confalone, Margherita Buy Anno: 2021 Durata: 106 min. Paese: Italia/Polonia Distribuzione: Vision Distribution

About A V

Guarda anche

trafficante-di-virus-recensione-film-copertina

Trafficante di Virus – La vicenda giudiziaria della virologa Ilaria Capua – Recensione

Trafficante di Virus: nelle sale la pellicola che narra la straordinaria parabola professionale e la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.