Home / RECENSIONI / Documentario / Il Ragazzo più Bello del Mondo – Recensione del documentario sulla vita di Björn Andrésen

Il Ragazzo più Bello del Mondo – Recensione del documentario sulla vita di Björn Andrésen

Il Ragazzo più Bello del Mondo: a 50 anni dalla anteprima mondiale di Morte a Venezia, distribuito da Wanted Cinema, arriva nelle sale italiane il 13 settembre il racconto intimo della vita di Björn Andrésen, l’enfant prodige scelto da Lucino Visconti per interpretare Tadzio in Morte a Venezia.

1970, il famoso regista Luchino Visconti fa il giro dell’Europa per trovare il giovane protagonista caratterizzato dalla bellezza perfetta per l’opera che sta preparando “Morte a Venezia“.

Durante questo infinito tour l’artista vede scorrere davanti ai suoi occhi migliaia di ragazzini di ogni provenienza senza essere mai colpito da nessuno quando a Stoccolma rimane rapito dalla bellezza di un quindicenne svedese che sceglie immediatamente per il suo film.

Sarà l’inizio di uno dei fenomeni di divismo più importanti mai esistiti che influenzerà profondamente la cinematografia europea e non solo decretando una vera e propria ossessione per la bellezza estetica di questo giovane ragazzo. Anche la cultura giapponese anche sarà fortemente suggestionata dal fenomeno Björn Andrésen che con i suoi tratti nordici efebici tutt’oggi rimane una delle influenze estetiche più importanti nei manga come si può vedere ad esempio nella produzione di Riyoko Ikeda (Lady Oscar).

Cosa funziona ne Il Ragazzo più Bello del Mondo

Il Ragazzo più Bello del Mondo oltre ad essere una disertazione sul fenomeno del divismo è soprattutto il racconto di una vita dolorosa, drammaticamente segnata da eventi eccezionali.

Una riflessione sulle dinamiche malate del successo e sulla sua nefasta influenza in personalità non del tutto formate e non consapevoli delle sue declinazioni morbose e di come il bagliore delle luci della ribalta possa offuscare il discernimento anche degli adulti.

Perché non guardare Il Ragazzo più Bello del Mondo

La vita di Björn Andrésen, ripercorsa del documentario di Kristina Lindström e Kristian Petri, è il racconto di un percorso segnato dal successo travolgente in tutte le sue declinazioni entusiasmanti e oscure ma anche da una serie di terribili lutti come la scomparsa della giovane madre, l’assenza del padre mai conosciuto e la morte del secondo genito quando era ancora in fasce.

Una affascinante riflessione in formato cinematografico sul fascino incontestabile di una fase storica culturale irripetibile ma anche sui limiti etici dello sfruttamento infantile non adatta solo a coloro che cercano esclusivamente nel cinema un passatempo a cuor leggero.

Il Ragazzo più Bello del Mondo è al cinema dal 13 al 15 Settembre per la distribuzione di Wanted Cinema.

Regia: Kristina Lindström, Kristian Petri Anno: 2021 Durata: 93 min. Paese: Svezia Distribuzione: Wanted Cinema 

About E P

Guarda anche

il-silenzio-grande-recensione-film-copertina

Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande: Alessandro Gassmann torna alla regia con una commedia che ragiona sulla famiglia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.