Home / RECENSIONI / Biografico / Il Concorso – Due facce del femminismo nel film con Keira Knightley – Recensione

Il Concorso – Due facce del femminismo nel film con Keira Knightley – Recensione

Il Concorso: Disponibile a noleggio sulle piattaforme digitali, dopo essere stato presentato in anteprima su Miocinema.it, il film di Philippa Lowthorpe, con Keira Knightley, Gugu Mbatha-Raw, Jessie Buckely e Gregg Kinnear.

Nel 1970, a Londra, ebbe luogo il concorso di Miss Mondo, presentato dal leggendario attore comico Bob Hope. Sostenendo che i concorsi di
bellezza fossero degradanti per le donne, il neonato Movimento di Liberazione delle donne britannico fece irruzione sul palcoscenico interrompendo la diretta in mondovisione della gara. Ma non fu l’unico scandalo della serata: quando il collegamento della trasmissione fu ripristinato, a conquistare il titolo fu Miss Grenada, una donna di colore. Il primo mattone per un grande cambiamento sociale era stato posto.

C’è una frase che resta impressa nel film di Philippa Lowthorpe, Il Concorso: mentre la studentessa Sally (Keira Knightley) dice al suo professore di voler fare una tesi sulla situazione sociale delle donne operaie, questi la interrompe dicendole che “non dovrebbe occuparsi di una minoranza sociale”.

In una frase c’è tutto un sentimento nel quale quasi tutte le donne negli anni ’60 ma molte anche adesso si riconoscono. La strada dell’affermazione dei diritti delle donne è iniziata in quegli anni ma ancora c’è molto da camminare. A dimostrarlo ad esempio, è il titolo in italiano, che come a volte accade, devia decisamente l’attenzione dal tema principale del film.

Il Concorso confrontato con il titolo originale, Misbehaviour ( letteralmente: cattiva condotta) potrebbe allontanare dalla visione chi magari potrebbe essere interessato a questa tematica, anche se può sicuramente avvicinarne altre.

Cosa funzione ne Il Concorso

Una volta superata la resistenza al titolo italiano ci si trova di fronte a una commedia inglese molto godibile e equilibrata con delle buone performance di tutte le protagoniste e anche di Gregg Kinnear reso irriconoscibile sotto la maschera di Bob Hope. Tutta la storia è portata avanti dalle donne e tutte contribuiscono al cambiamento della situazione femminile. Anche la moglie dell’organizzatore infatti, aggiorna il concorso ai tempi che corrono, promuovendo la diversità dei giurati.

Perché non guardare Il concorso

Il film non prende una posizione di parte a favore di nessuna delle sue protagoniste. Sia Miss Grenada (Gugu Mbatha-Raw) che le attiviste, che l’organizzatrice del concorso permettono di spostare l’attenzione sulle opportunità e sui diritti delle donne, ognuna con il suo metodo di comunicazione.

Il Concorso è disponibile a noleggio sulle principali piattaforme online con Bim Distribuzione.

Regia: Philippa Lowthorpe Con: Keira Knightley, Gugu Mbatha-Raw, Jessie Buckley, Gregg Kinnear, Rhys Ifans Paese: UK Durata: 106 minuti Distribuzione: BIM distribuzione

About A V

Avatar

Guarda anche

lacci-recensione-bluray-copertina

Lacci – Recensione del Bluray del film con Alba Rohrwacher e Luigi Lo Cascio

Lacci: Il film di Daniele Luchetti, tratto dal romanzo di Domenico Starnone, con Alba Rohrwacher …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.