Home / RECENSIONI / Commedia / Hasta la Vista – l’Europa coast to coast alla ricerca del gentil sesso – Recensione

Hasta la Vista – l’Europa coast to coast alla ricerca del gentil sesso – Recensione

Hasta la Vista: La pellicola diretta dal regista belga Geoffrey Enthoven, porta sul grande schermo il sogno di libertà di un gruppo di amici che decide di non rinunciare ai propri sogni.

Jozef (Tom Audenant), Lars (Gilles De Schryver) e Philip (Robrecht Vander Thoren) sono tre ventenni amici da sempre che come tutti i giovani del mondo sono fortemente interessati alla dimensione erotica della esistenza.

Nonostante le loro disabilità non vogliono rinunciare a nulla di quello che la vita può offrire e decidono di intraprendere il loro primo viaggio da soli durante il quale entrare finalmente in contatto ravvicinato con l’altro sesso.

Organizzano quindi un viaggio on the Road tra Francia e Spagna accompagnati dalla rude infermiera Claude (Isabella De Hertogh) durante il quale mettere alla prova se stessi e che inevitabilmente cambierà la loro vita per sempre.

Cosa funziona in Hasta la Vista

Hasta la Vista è una pellicola che evita facili sentimentalismi descrivendo con onestà l’universo della disabilità come un mondo di persone reali, caratterizzate da legittime aspirazione e comuni bassezze.

Una riflessione sui limiti che poniamo noi stessi, senza esserne neanche consapevoli, alla nostra vita come alle vite degli altri.

Un viaggio complesso, divertente e difficile allo stesso tempo che non risparmierà dolori e momenti di crescita che caratterizzano la complessità della vita.

Perchè non guardare Hasta la Vista

Film di alto valore pedagogico e di chiaro intento sociale, Hasta la Vista non è l’opera adatta allo spettatore in cerca puro intrattenimento.

Presentato ad Alice nelle città, evento autonomo ma parallelo al Festival internazionale del film di Roma del 2011, Hasta la Vista ha avuto numerosi riconoscimenti in giro per il mondo: al Grand Prix Des Ameriques, al Montreal Word Film Festival, è stato nominato per il Premio Magritte alla migliore coproduzione fiamminga e ha vinto il premio del pubblico come migliore film europeo all’European Film Award 2012.

Hasta la vista dopo anni di attesa il film arriva nelle sale italiane dal 24 giugno grazie alla distribuzione di Wanted Cinema.

Regia: Geoffrey Enthoven Con: Tom Audenaert, Isabelle de Hertogh, Gilles De Schryver, Kimke Desart, Johan Heldenbergh Anno: 2011 Durata: 115 minuti Paese: Belgio Distribuzione: Wanted Cinema

About E P

Guarda anche

the-book-of-vision-recensione-film-copertina

The Book of Vision – Viaggio nell’abisso dell’animo umano e ritorno – Recensione

The Book of Vision: Presentato alla 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il film …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.