Home / RECENSIONI / Drammatico / È stata la mano di Dio -Napoli, Maradona e la vita nel nuovo film di Sorrentino – Recensione

È stata la mano di Dio -Napoli, Maradona e la vita nel nuovo film di Sorrentino – Recensione

È stata la mano di Dio: Nel suo primo film per Netflix, Paolo Sorrentino, racconta una storia molto personale, premiata all’ultimo Festival di Venezia e ora in corsa per una nomination agli Oscar.

Fabietto (Filippo Scotti) cresce in una famiglia benestante nella Napoli degli anni Ottanta. Ha un fratello più grande e una sorella perennemente chiusa in bagno. Una madre che ama fare gli scherzi e un padre bancario. Fanno parte di una famiglia più allargata, solare e pazza, che viene sconvolta da un tragico imprevisto e dall’arrivo di Maradona al Napoli. Ma anche dal dolore può nascere qualcosa.

Cosa funziona in È stata la mano di Dio

Nel suo ultimo film Paolo Sorrentino (La Grande Bellezza) va diretto al punto. Al centro c’è il racconto, anche se la cura dell’inquadratura, soprattutto nelle prime scene è sempre presente. A sostenere tutto il film, diviso nettamente tra commedia e dramma è l’umanità dei suoi personaggi, e l’incredibile alchimia che unisce tutto il cast.

Il peso di tutto il racconto sembra posarsi sui personaggi femminili, la mamma di Fabietto, interpretata da Teresa Saponangelo, che unisce la famiglia ma non è solo una figura materna, ma è estremamente vitale. La zia pazza e molto sensuale interpretata da Luisa Ranieri, la Baronessa Focale interpretata da Betti Pedrazzi. La vita che viene intessuta nel caso e nel quotidiano, in maniera inarrestabile. Filippo Scotti per la sua interpretazione ha ottenuto il Premio Marcello Mastroianni per il miglior attore emergente.

Perchè non guadare È stata la mano di Dio

In uscita il prossimo 24 novembre al cinema e dal 15 dicembre su Netflix, sarà impossibile sfuggire a questo film di Sorrentino, ma per tutte le migliori ragioni.

Un film semplice e diretto in cui l’amore e l’umanità, sia delle persone che della città di Napoli sono protagoniste. Non ci sono intellettualismi o pensieri troppo alti. Inoltre è nella cinquina dei film proposti per la nomination agli Oscar come miglior film straniero.

È stata la mano di Dio al cinema in sale selezionate dal 24 novembre e su Netflix dal 15 dicembre.

Regia: Paolo Sorrentino Con: Filippo Scotti, Toni Servillo, Teresa Saponangelo, Luisa Ranieri Anno: 2021 Paese: Italia Durata: 130 minuti Distribuzione: Netflix

About A V

Guarda anche

trafficante-di-virus-recensione-film-copertina

Trafficante di Virus – La vicenda giudiziaria della virologa Ilaria Capua – Recensione

Trafficante di Virus: nelle sale la pellicola che narra la straordinaria parabola professionale e la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.