Home / RECENSIONI / Commedia / Clifford – Il grande cane rosso di Bridwell è ora un film – Recensione

Clifford – Il grande cane rosso di Bridwell è ora un film – Recensione

Clifford – Il grande cane rosso: Prodotto dalla Paramount e distribuito in Italia da Eagle Pictures, il film diretto da Walt Becker, già regista di un celebre adattamento di un famoso personaggio animato con Alvin Superstar – Nessuno ci può fermare, porta al cinema il famoso cane rosso di Bridwell.

Era il 1963 quando Norman Bridwell scrisse le prime avventure di Clifford, il grande cane rosso tanto amico dei bambini. Una serie di racconti che hanno presto avuto un successo mondiale, tanto da diventare per la prima volta, nel 2000, una serie animata (che potete recuperare su Amazon Prime Video) seguito da altre due serie animate e un film d’animazione.

Tanti disegni ma quando tempo poteva passare prima che Clifford sarebbe diventato un cane vero?

Abbiamo dovuto aspettare il 2021 per poterlo vedere finalmente su uno schermo adatto alle sue dimensioni, ossia quello grande del cinema, grazie alla Paramount Pictures.

Purtroppo il creatore di tutto questo mondo è scomparso nel 2014, non riuscendo dunque a vedere le ultime trasposizioni del suo personaggio e… Anche per questo motivo…Clifford – Il grande cane rosso è dedicato decisamente a lui, dato che a far conoscere il cagnolone alla bambina protagonista della storia, la giovane Emily Elizabeth Howard (Darby Camp) è proprio il signor Bridwell, interpretato da uno dei più grandi attori della storia del cinema e non solo: John Cleese.

Cosa funziona in Clifford – Il grande cane rosso

Quando il cucciolo diventa nel giro di una notte gigantesco, comincia la vera storia, con varie emozioni annesse. Per prima cosa l’ilarità, una serie di risate causate dagli incidenti slapstick causati dalle dimensioni del protagonista, ma anche dal nonsense espresso dagli esseri umani che si ritrovano a che fare con qualcosa di decisamente improbabile.

Comicità ma anche tanta serietà: Clifford non è l’unico a sentirsi fuori posto a New York, e nel mondo in generale: anche la piccola Emily si sente emarginata a scuola, perché la sua famiglia non è ricca come le altre, e la madre (Sienna Guillory) non è davvero in grado di aiutarla perché è spesso fuori città per lavoro.

Poi c’è zio Casey (Jack Whitehall), un over 30 che soffre a modo suo i problemi relativi alla sua mancata realizzazione (il classico Todd di Bojack Horseman in poche parole) e la famiglia naturalmente fa di tutto per farlo sentire in colpa.

Un film molto formativo, da far vedere in futuro nelle scuole quando uscirà in Home Video, anche perché l’edizione italiana è di altissimo livello, con un doppiaggio diretto da Rossella Acerbo, dialoghi scritti da Eleonora De Angelis, con l’assistenza di Monica Simonetti e i fonici Daniele Biagiotti (di doppiaggio) ed Andrea Roversi (di mix) e un cast artistico che vede il grande Carlo Valli in sostituzione dello storico doppiatore di John Cleese, Giorgio Lopez, scomparso la scorsa estate, oltre a Ilaria Pellicone (Emily), Flavio Aquilone (zio Casey), Franco Mannella (Zac Tieran) Chiara Colizzi (la mamma di Emily, Maggie), Melina Martello (la signora Cullerman) Nanni Baldini (il veterinario) e Valeriano Corini (Owen Yu).

Perché non guardare Clifford – Il grande cane rosso

Per realizzare questo enorme cagnolone è stata usata una CGI che una buona parte di pubblico ha bocciato fin dalla presentazione del primo trailer, la quale è effettivamente semplice rispetto al cinema attuale, ma per il sottoscritto è stata decisamente efficace. Ma naturalmente, per il pubblico abituato ormai agli effetti visivi dei cinecomic e degli odierni fantasy, può risultare obsoleta.

Clifford – Il grande cane rosso è al cinema dal 2 dicembre con Eagle Pictures.

Regia: Walt Becker Con: John Cleese, Sienna Guillory, Jack Whitehall, Kenan Thompson, Rosie Perez, Darby Camp, David Alan Grier, Russell Wong, Izaac Wang, Horatio Sanz, Robbie DeRaffele, Melanie Chandra, Russell Peters, Adam Lindo, Yasha Jackson, Kathryn Grace, Kevin McCormick (II), Ken Holmes, Tommy Bayiokos, Jayden Abrams Anno: 2021 Durata: 96 min. Paese: USA Distribuzione: Eagle Pictures 

About Valerio Brandi

Guarda anche

orlando-recensione-film-copertina

Orlando – Recensione del Film di Daniele Vicari con Michele Placido

Orlando: presentato fuori concorso al Torino Film Festival 2022 l’ultima toccante pellicola di Daniele Vicari narra gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.