Home / RECENSIONI / Drammatico / Apples – Quale spicchio di vita vuoi? – Recensione

Apples – Quale spicchio di vita vuoi? – Recensione

Apples: Il promettente esordio cinematografico di Christos Nikou, presentata alla 77esima Mostra del Cinema di Venezia e al Toronto International Film Festival, si innesta all’interno di quella prolifica ondata di nuovo cinema greco, denominata weird wawe greca, fra cui ricordiamo immeritatamente solo Yorgos Lanthimos e Alexandros Avranas, che tante soddisfazioni ha dato al pubblico mondiale.

In una Grecia contemporanea ma a tratti distopica Aris, interpretato da un magnetico Aris Servetalis già visto nel cinema di Yorgos Lanthimos, viene colpito da una improvvisamente ed inspiegabile epidemia di amnesia che sta dilagando in tutto il paese. Ricoverato in ospedale, senza documenti e senza nessuno che lo venga a cercare, accetta di entrare in un programma di riabilitazione che si pone l’obiettivo di ricostruire l’identità di questi smemorati, ripercorrendo gli episodi topici che, bene o male, tutti si trovano a vivere nella vita e nel documentare gli stessi attraverso una serie di fotografie.    

Cosa funziona in Apples

Un cinema curatissimo dal punto di vista estetico, nella scelta delle inquadrature, della palette dei colori, del commento sonoro. Ricco di primi piani perché dedicato alla interiorità dei personaggi che, seppur poco tratteggiati nelle loro caratteristiche si pongono come personaggi archetipali dell’umanità.

Simboli dell’uomo contemporaneo che attraversa la sua vita senza storia e che vorrebbe dimenticare le declinazioni tragiche dell’esistenza ma che nel farlo rinuncia alla vita stessa. Un uomo che sente di avere un’identità solo attraverso le immagini e che sente la necessità di documentare la propria vita attraverso di esse.

Una riflessione cinematografica sulla memoria che riprende il filo di quel discorso che tanti altri artisti contemporanei hanno iniziato a dipanare da Christopher Nolan a Charlie Kaufman fino a Michel Gondry.

Perché non guardare Apples

Christos Nikou, già assistente alla regia dell’acclamato Yorgos Lanthimos, si affaccia alla produzione cinematografica mondiale in continuità con la produzione del suo padre artistico proponendo un cinema affascinante ma non risolutivo né consolatorio. Una riflessione che lascia sospeso lo spettatore nella consapevolezza che l’uomo, e l’artista moderno, è fondamentalmente portatore di domande ma non di risposte.

Apples è disponibile per il noleggio in digitale dal 31 Marzo in esclusiva sulla piattaforma MioCinema.

Regia: Christos Nikou Con: Aris Servetalis, Sofia Georgovasili, Anna Kalaitzidou, Argyris Bakirtzis, Kostas Laskos, Babis Makridis, Kimon Fioretos, Costas Xikominos, Alexandra Aidini Anno: 220 Durata: 90 min. Paese: Grecia, Polonia, Slovenia Distribuzione: Lucky Red

About E P

Guarda anche

il-silenzio-grande-recensione-film-copertina

Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande: Alessandro Gassmann torna alla regia con una commedia che ragiona sulla famiglia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.