Home / RECENSIONI / The Room – Thriller psicologico ambizioso e dai mille rimandi – Recensione

The Room – Thriller psicologico ambizioso e dai mille rimandi – Recensione

The Room: Gioca sull’emotività dello spettatore, lo testa e lo mette continuamente alla prova. Una complicità che è il punto di forza di un film molto (troppo?) ambizioso, coinvolgente nonostante qualche banalità.

Kate (Olga Kurylenko) e Matt (Kevin Janssens) sono una giovane coppia newyorchese che si trasferisce in una vecchia e maestosa casa di campagna. Qui, scoprono che esiste una stanza in grado di materializzare ogni desiderio. All’inizio chiedono solo soldi e beni materiali, ma quando esprimono il desiderio di avere un bambino la loro vita inizia a precipitare in un inferno e le conseguenze di tale scelta si rivelano sempre più tragiche.

the-room-recensione-film-03

Cosa funziona in The Room

Il ritmo di The Room è un vortice, che nella prima parte affastella eventi e situazioni a ritmo forsennato, nella seconda gioca al rimbalzo di dinamiche spaziali e circostanziali. Un film che è tutto una messa in scacco dello spettatore, continuamente sottoposto a dilemmi etici o morali frontali e ineludibili.

the-room-recensione-film-02

Perché non guardare The Room

L’ambizione di The Room è tanta e spesso non trova riscontro nella messinscena. Il finale mette poi troppa carne al fuoco e rischia spesso di apparire confusionario. In altre parole, è l’ennesimo film che parte magnificamente, con dispendio di promesse, ma fatica a confluire in un approdo significativo e rilevante. Di ordinaria amministrazione la regia, che rimane su binari piatti quando poteva osare di più.

the-room-recensione-film

Un lavoro di pregevole fattura che si beve tutto d’un sorso. Olga Kurylenko è brava, Kevin Janssens decisamente meno. Si percepisce però la volontà di scavare nel profondo del subconscio e dell’animo umano (con il rapporto di coppia erto a bersaglio e sottoposto a feroce analisi), ma l’impossibilità di penetrarvi davvero.

Eppure la vivacità del complesso, i repentini e disorientanti cambi di rotta (soprattutto nell’ultima mezz’ora) e l’atmosfera sospesa e astratta costantemente palpabile aggirano del tutto la noia e salvano il film.

Il film è disponibile a noleggio dall’11 Giugno sulle maggiori piattaforme digitali come Infinity e Chili.

Regia: Christian Volckman. Con: Olga Kurylenko, Kevin Janssens, Carole Weyers, Marianne Bourg, John Flanders, Francis Chapman, Éric Gigout, Joshua Wilson Anno: 2019 Durata: 100 min. Paese: Francia, Lussemburgo, Belgio Distribuzione: Bim Distribuzione

About Raffaele Mussini

Raffaele Mussini
Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

io-non-ti-lascio-solo-recensione-libro-copertina

Io Non Ti Lascio Da Solo – Recensione del romanzo di Gianluca Antoni

A metà fra il thriller psicologico e il romanzo di formazione, Io Non Ti Lascio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.