Home / CINEMA / Venezia 76, giorno 6: un possibile Leone d’Oro

Venezia 76, giorno 6: un possibile Leone d’Oro

La calda e appassionata presentazione di Nate Parker del suo “American Skin” mi convince alla visione delle 9:00 di mattina. E se all’inizio il film pare un exploit ricattatorio e scontato, dopo poco diventa thriller tesissimo, potente e via via più spiazzante. Furente. 

Il successivo “The King” spezza invece, e fin da subito, il vibrante entusiasmo della precedente visione. Un dramma storico che solo sulla carta attinge da Shakespeare, ma negli intenti ricorda vagamente il Trono di Spade. Non un brutto film (si riprende negli ultimi quaranta minuti), ma eccessivamente lungo e con un Timothée Chalamet sbagliatissimo.
In conferenza stampa regista e attori rivendicano l’attualità degli assunti esposti attraverso il filtro storico, nel tentativo di giustificare quella che é nulla più di un’ordinaria produzione Netflix finalizzata a cavalcare un’onda. 

Alle 20 di sera, ecco invece uno dei titoli più discussi e attesi del festival: The Painted Bird, film ceco di ben 169 minuti in b/n. Partorito dopo una lavorazione di 10 anni, narra la truce odissea di un bambino nella Cecoslovacchia rurale durante la seconda guerra mondiale. Tra Tarkovskij, Béla Tarr e “Marketa Lazarova” di Vláčil: grande cinema d’autore, crudo fino allo stremo (tante le fughe dalla sala) e visivamente (ma non solo) straordinario.

Per pochi. Possibile Leone d’Oro… si vocifera. Il sottoscritto fa il tifo.

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

american-skin-recensione-film-copertina

American Skin – Recensione del Bluray del Film

American Skin: Ispirato a una controversa canzone di Bruce Springsteen, presentato alla 76esima mostra di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.