Home / RECENSIONI / Documentario / Van Gogh e il Giappone – Racconto di un inedito amore

Van Gogh e il Giappone – Racconto di un inedito amore

Il 16, 17, 18 settembre Nexo Digital, grazie anche alla partership con Radio Capital, Sky Arte e Mymovies, celebra la nuova stagione della grande arte al cinema commemorando sul grande schermo l’amore per il Giappone del più famoso pittore di tutti i tempi.

Ripercorrendo il concept dietro la mostra ospitata nel 2018 al Van Gogh Museum questo affascinante documentario di David Bickerstaff propone una chiave di lettura poco nota ai più dell’arte di Vincent Van Gogh che celebra l’intima connessione con il Giappone del famoso artista. Pur non avendo mai visitato le terre nipponiche infatti è nota agli esperti d’arte la fascinazione assoluta che Vincent Van Gogh ebbe per la pittura e l’estetica del paese dei mandorli in fiore. Fascinazione che sottintende l’antica attrazione intercorsa fra Oriente ed Occidente principiata a fine Ottocento quando, alla fine del periodo Edo, il Giappone inizio per ragioni commerciali ad aprirsi all’Occidente, consentendo anche un forte scambio artistico fra questi due mondi così lontani.

van-gogh-e-il-giappone-recensione-film-02

In particolare, Parigi venne inondata di immagini artistiche e oggetti provenienti dal sol levante che hanno impressionato profondamente gli artisti dell’epoca in particolare Van Gogh decretando la nascita di un amore idealizzato per l’estetica giapponese narrato nella sua corrispondenza con il fratello Theo e che ampia influenza ha avuto nella sua produzione artistica, in particolare nelle tecniche e nel celeberrimo modo di utilizzare il colore.

van-gogh-e-il-giappone-recensione-film-01

Il Giapponismo non colpì solo l’artista olandese ma fu una influenza culturale ben più ampia che pervase largamente il diciannovesimo secolo influenzando artisti tra cui Monet, Manet, Renoir e Klimt anch’essi folgorati idealmente dall’estetica giapponese. Amore artistico che questo affascinante documentario tenta di disvelare anche grazie all’apporto del calligrafo Tomoko Kawao e dell’artista performativo Tatsumi Orimoto ma soprattutto presentando molte delle opere dell’artista olandese, i Girasoli fra tutte, che seppur notissime al pubblico di tutto il mondo possono essere guardate attraverso una inedita luce.

Regia: David Bickerstaff Anno: 2019 Durata: 85 min. Paese: Gran Bretagna Distribuzione: Nexo Digital

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

la-guerra-di-domani-recensione-film-copertina

La Guerra di Domani: un rocambolesco e spettacolare mash up – Recensione

La Guerra di Domani: Almeno dieci film condensati in uno, eppure funziona. Intrattenimento spettacolare di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.