Home / CINEMA / Il muro tra di noi: disgregazione familiare da un interno

Il muro tra di noi: disgregazione familiare da un interno

In un solo quarto d’ora ci sono una disgregazione familiare, una ritrovata coscienza e consapevolezza di sé, la senilità e il rimpianto. Piccolo pregevole lavoro. Presentato alla Festa del Cinema di Roma 2019 .

Alla morte della moglie, Pietro, 70 anni, ha messo tra sé e il mondo un muro di silenzio, a partire dai figli Alex e Monica, già adulti. Dopo il tentativo di Cesare, dottore di famiglia, di rinchiudere Pietro in una casa di riposo da lui gestita, Monica abbandona la casa paterna, lasciando Alex solo con il padre dopo moltissimo tempo.

il-muro-tra-di-noi-recensione-film-02

Cosa funziona in Il muro tra di noi

Il muro tra di noi racchiude in un solo quarto d’ora una molteplicità di tematiche davvero complessa e disparata. Sintesi anche narrativa in senso stretto, in grado di darci – grazie a un pugno di scambi di battute – il quadro completo di un dramma familiare durato anni e anni antecedenti il presente della storia narrata.

il-muro-tra-di-noi-recensione-film-03

Perché non guardare Il muro tra di noi

Il muro tra di noi è in parte compromesso da una recitazione spesso sopra le righe, artificiosa e non sempre convincente.

Un buon corto, un’idea non magari originale ma sicuramente in grado di far breccia nella sensibilità di chi guarda. Un racconto che cresce piano piano, che progressivamente si carica di significato e contenuto fino a un finale bellissimo, con Ivano Marescotti che guarda il figlio dalla finestra e parlando(gli) senza – forse – essere sentito.

Regia: Federico Del Buono Con: Stefano Pesce, Ivano Marescotti, Vanessa Montanari, Stefano Bicocchi Anno: 2019 Durata 17 min. Paese: Italia

About Raffaele Mussini

Raffaele Mussini
Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

fino-all-ultimo-indizio-recensione-film-copertina

Fino All’Ultimo Indizio – L’ossessione del Male – Recensione

Fino All’Ultimo Indizio: L’ultimo film del regista di The Blind Side e Saving Mr. Banks, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.