Home / RECENSIONI / Documentario / Fulci for Fake: A Venezia 76 l’omaggio al Maestro, con tanto di zombie in sala

Fulci for Fake: A Venezia 76 l’omaggio al Maestro, con tanto di zombie in sala

Fulci for Fake, parafrasando un film di Orson Welles (“F for Fake”). Un documentario che racconta soprattutto la vita privata del regista di “Zombi 2”. E in sala si è presentato un piccolo gruppo di “zombie for fake”.

L’attore Nicola “Nick” Nocella, diretto da un fantomatico regista danese di nome Saigon, deve documentarsi per interpretare il personaggio del regista Lucio Fulci. Per farlo incontra amici e colleghi di set, ma soprattutto le figlie Antonella e Camilla, che ben hanno conosciuto l’opera del padre.

fulci-for-fake-recensione-film-02

Cosa funziona in Fulci for Fake

O meglio: perché guardarlo? Beh, perché amate Fulci e conoscete già il suo cinema, la sua gloriosa quanto altalenante filmografia, la sua influenza sui generi e la sua maniera rivoluzionaria di approcciarsi ad essi. Conoscete già la portata seminale del suo operato e avete visto mille volte “L’aldilà“, “Zombi 2“, “Quella villa accanto al cimitero” senza ancora esserne sazi. Sapete tanto – quasi tutto – dell’artista ma poco dell’uomo.

fulci-for-fake-recensione-film-01

Perché non guardare Fulci for Fake

Semplice: Fulci for Fake è legato a doppia corda alla conoscenza e all’amore per l’autore “raccontato”. Più che un atto d’amore, un gesto d’affetto per l’artista, avente lo scopo di metterne in luce aspetti e dettagli sconosciuti ai più. Fulci for Fake non è quindi un punto di partenza alla scoperta di Lucio Fulci, ma un punto di arrivo per chi – cinematograficamente – lo conosce già.

fulci-for-fake-recensione-film-03

Il film, con fare nostalgico e dolente, racconta l’uomo enigmatico e inafferrabile che fu Lucio Fulci, lasciando ai margini la sua filmografia per concentrarsi sui passaggi fondamentali della sua vita. Spesso dolenti, frequentemente tragici, filtrati attraverso gli occhi dell’amata figlia paraplegica. Forse avremmo preferito sentirci raccontare qualche chicca cinéphile in più, ma Fulci for Fake – nonostante l’insistito richiamo delle lacrime – rimane un lavoro pregevole e appassionato su un grande del (nostro) cinema.

Regia: Simone Scafidi Con: Nicola Nocella, Davide Pulici, Camilla Fulci, Enrico Vanzina, Sergio Salvati, Sandro Bitetto, Fabio Frizzi, Paolo Malco, Berenice Sparano, Michele Soavi, Michele Romagnoli, Antonella Fulci, Martina Troni Anno: 2019 Durata: 92 min. Paese: Italia

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

vicini-di-casa-recensione-film-copertina

Vicini di casa – Una Commedia Afrodisiaca – Recensione del Film

Vicini di Casa: prodotto da Lotus Production, una società di Leone Film Group e Baires …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.