Home / RECENSIONI / Horror / Apostolo: dopo il dittico di capolavori “The Raid 1 & 2”, Gareth Evans approda all’horror su Netflix

Apostolo: dopo il dittico di capolavori “The Raid 1 & 2”, Gareth Evans approda all’horror su Netflix

Apostolo: Il gallese Gareth Evans cambia completamente rotta e sceglie Neftlix per lanciarsi nell’horror, ma è un passo mezzo falso.

Nel 1905, Thomas Richardson (Dan Stevens) si reca in una lontana isola per salvare la sorella rapita da una misteriosa setta che chiede un riscatto per la sua liberazione. Per l’uomo sarà un viaggio all’inferno.

apostolo-recensione-film-netflix-01

Cosa funziona in Apostolo

La confezione è fatta di atmosfere azzeccate, di gore esibito e abbondante e di truculenza audace in grado di affondare le unghie (un’insostenibile sequenza di tortura rimane negli annali). Tante belle idee sul campo, che richiama certe perle d’horror d’antan (vengono in mente “Il grande inquisitore” e “The Wicker Man”) e vanta ottime prove attoriali (spicca Michael Sheen in inedita veste truce).

apostolo-recensione-film-netflix-02

Perché non guardare Apostolo

Perché, in verità, si ferma proprio alle intenzioni, semina senza raccogliere. Poteva essere un grande horror di serie B, divertente e godereccio, invece sceglie di mettere troppa carne al fuoco e la lascia bruciare. Il finale terribilmente inconcludente è la triste resa di uno script che dopo un’ora e mezza ha esaurito ogni spunto e si trova con l’acqua alla gola. A onor di ciò, grava in particolar modo l’eccessiva durata.

L’incapacità di un autore maiuscolo di uscire dai propri schemi o le soffocanti esigenze di Netflix che impongono standard azzerando una complessità e uno spessore più vitali ma d’altro canto scarsamente accessibili da parte del suo pubblico? Quale che siano le ragioni dietro il suo fallimento artistico, Apostolo rimane un’occasione sprecata, seppure meglio di tanta sbobba che passa nei multisala.

Regia: Gareth Evans Con: Dan Stevens, Michael Sheen, Lucy Boynton, Bill Milner, Mark Lewis Jones, Elen Rhys, Kristine Froseth, Annes Elwy, Stuart McNeil, Ioan Hefin, Juke Hardy, Ross O’Hennessy, Richard Elfyn, Paul Higgins, Catrin Aaron, John Weldon, Gareth Pierce, Rhys Meredith, John Norton, Rhian Morgan, Owain Gwynn, Sharon Morgan, Sebastian McCheyne, Gareth John Bale, Spencer Booth, Toby Brierley, Alekss Dudins, Michael Gleeson, Paul James, Craig Jenkins, Lex Lamprey, Daryl Matthews, Jordan Ward, Rhys Wilton, Fergus Dignam Anno: 2018 Durata: 130 min. Paese: USA Distribuzione: Netflix

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

trafficante-di-virus-recensione-film-copertina

Trafficante di Virus – La vicenda giudiziaria della virologa Ilaria Capua – Recensione

Trafficante di Virus: nelle sale la pellicola che narra la straordinaria parabola professionale e la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.