Home / RECENSIONI / Drammatico / La Ruota delle Meraviglie – Un ritratto drammatico e nevrotico in una Coney Island anni ’50

La Ruota delle Meraviglie – Un ritratto drammatico e nevrotico in una Coney Island anni ’50

Woody Allen torna al cinema con La Ruota delle Meraviglie e cuce addosso a Kate Winslet una “cameriera disperata” anni Cinquanta in un ritratto drammatico e nevrotico. Mentre sullo sfondo il disegno colorato di una magnetica Coney Island è ciò che salta all’occhio con più facilità.

Con La Ruota delle Meraviglie racconta una passionale storia di tradimenti, di prese di coscienza, con sullo sfondo, la pittoresca Coney Island anni ’50: quattro personaggi si intrecciano nel frenetico mondo del parco divertimenti. Ginny (Kate Winslet), ex attrice malinconica ed emotivamente instabile, che lavora come cameriera; Humpty (Jim Belushi), il rozzo marito di Ginny, semplice manovratore di giostre; Mickey (Justin Timberlake), un bagnino di bell’aspetto con l’imprevedibile sogno di diventare scrittore, e infine Carolina (Juno Temple), la figlia che Humpty non ha visto per molto tempo e che ora è costretta a nascondersi nell’appartamento del padre per sfuggire ad alcuni gangster.

la-ruota-delle-meraviglie-recensione-alto

Cosa funziona in La Ruota delle Meraviglie

Il ritorno alla regia di Woody Allen porta con sé l’aria frizzantina dei luna park a fare da sfondo alle vicende personali insieme ad una notevole dose di drammi e cinico sarcasmo: come sempre per Allen, i luoghi si fanno personaggi, e assumono una loro identità, difficile da riportare a mero sfondo una volta terminato il film.

Con movimenti di macchina che disegnano eleganti piani sequenza, La ruota delle Meraviglie ha come anima la protagonista Ginny, il tourbillon di eventi che da lei parte e con lei si ferma, che possiede qualcosa della tragedia greca. La Ginny di Kate Winslet è vittima di aspirazioni artistiche inseguite per vanità, poi abbandonate lungo la strada e riposte in polverosi souvenir di una giovinezza andata.

la-ruota-delle-meraviglie-recensione-centro

Perché non guardare La Ruota delle Meraviglie

Con fiumi di parole e una lentezza talvolta esasperante, è il lato oscuro di Coney Island, che vediamo rappresentato, a sovrastare, in alcuni momenti, i personaggi, giocando sulla nostalgia e rendendosi più memorabile degli stessi umani. Il solito gioco d‘intrecci non trova una soluzione innovativa, e il destino dei personaggi è intuibile già dalle prime sequenze.

la-ruota-delle-meraviglie-recensione-basso

La Ruota delle Meraviglie è una metafora chiara e concisa, un messaggio che vuole esorcizzare l’ineluttabile epilogo per ognuno di noi: il destino di tutti è quello di fare i conti con i propri fallimenti e con i propri disincanti.

Regia: Woody Allen Con: Kate Winslet, Justin Timberlake, Juno Temple, James Belushi, Max Casella, Tony Sirico, Steve Schirripa, Jack Gore, David Krumholtz, Robert C. Kirk, Tommy Nohilly, Tom Guiry, Bobby Slayton Durata: 101 Min. Anno: 2017 Paese: USA Distribuzione: Lucky Red

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

listen-recensione-film-copertina

Listen – Quando lo stato sociale è un girone infernale – Recensione

Listen: La regista portoghese Ana Rocha de Sousa firma un esordio cinematografico estremamente maturo che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.