Home / RECENSIONI / Once Upon A Time 5×12, “Souls Of The Departed”: la recensione
Once-Upon-A-Time-5x12-recensione-copertina

Once Upon A Time 5×12, “Souls Of The Departed”: la recensione

Ritorna una delle serie tv più acclamate, Once Upon A Time 5×12, con la seconda parte della quinta stagione che si svolge nel Limbo (se volessimo seguire le linee dantesche sarebbe una sorta di Purgatorio). Avevamo lasciato infatti l’eroina Emma Swan a intraprendere un pericoloso viaggio nell’Oltretomba per recuperare l’anima del suo amato, il capitan Uncino. Il team di salvataggio è composto oltre che dalla protagonista anche da Tremotino, Regina, Biancaneve, David, Henry e Robin Hood.

Appena messo piede nell’Oltretomba, che ha le sembianze di una Storybrooke abbandonata a se stessa, avvolta da una perenne tempesta di sabbia rossa, appare subito chiaro che la missione è destinata a non essere di semplice riuscita. Inoltre alcune delle anime che si trovano nel Limbo sono delle vecchie conoscenze ed hanno dei conti in sospeso, molto spesso con i membri della squadra di salvataggio. In particolare ritroviamo James, il fratello gemello di David (il principe Azzurro), che vuole incontrarlo al più presto per delle questioni irrisolte; Peter Pan, il padre di Tremotino, che cerca un modo per lasciare quel posto infernale, e infine Cora, la madre di Regina. E’ proprio su Regina che si concentra questa puntata, sul suo passato e soprattutto sul suo rapporto con il padre.

Ma veniamo a forse la parte che più intriga…siamo nell’Oltretomba, quindi non possiamo non chiederci se sia presente il Re di questo regno desolato. Ebbene sì, come probabilmente è noto ai più, Ade è presente in questa seconda parte di stagione, ed è con molta probabilità l’antagonista da sconfiggere. La storia che lo riguarda è ancora avvolta nel buio, nasce automatico chiedersi se ci sarà la possibilità che Hercules faccia la sua entrata in scena, ma di questo ancora sembrerebbe che non ci siano notizie, per ora però è possibile godersi la presenza del Dio dalla testa infuocata. Sebbene la sua apparizione sia breve (solo nel finale), già è in grado di concentrare l’attenzione dello spettatore su di lui. Il motivo per cui ce l’ha con i nuovi arrivati è subito ben chiaro, ma ci potrebbe essere altro da scoprire.

Cosa sta cercando di dirci Once Upon A Time con questa puntata che si distacca moltissimo dalla parte precedente, e forse persino da tutte le altre stagioni? Il fatto che già si presenti in modo diverso incuriosisce lo spettatore, ma le aspettative dopo la 5×12 diventano subito alte: la storia sembra promettente, la trovata delle questioni irrisolte che dà la possibilità di rivedere alcuni personaggi defunti nel corso della serie (e forse dire loro addio definitivamente) motiva ancora più a voler vedere l’episodio successivo.

Insomma si tratta di un vero e proprio salto di qualità rispetto a come aveva preso l’avvio questa quinta stagione, con tanti colpi di scena che però non entusiasmavano eccessivamente, e con troppe incongruenze. Dark Swan (che poi in realtà non era affatto ‘Dark’) non ha colpito come avrebbe dovuto, quindi questo ‘ritorno alle origini’ con la discesa negli Inferi e le interazioni con vecchi personaggi potrebbe rivelarsi una carta vincente, se giocata attentamente. Non resta ovviamente che aspettare per esserne certi.

Certo, alcuni passaggi sembrano forzati, questo bisogna ammetterlo, come ad esempio il ruolo di Cora in quest’episodio. Come fa ad esempio ad avere il potere di mandare le anime all’Inferno (attenzione, Inferno e Paradiso non sono mai nominati nella serie, vengono chiamati semplicemente ‘better place’ o ‘worse place’)? E’ stato Ade a conferirglielo? Se si, come è stato possibile? L’unica cosa che sarebbe chiara è il perché, visto il dialogo presente alla fine. Fatto sta che gli eroi devono prepararsi ad affrontare i loro vecchi rivali che con loro hanno un conto in sospeso, sapendo allo stesso tempo di avere un forte potere sul loro possibile futuro. Di conseguenza però sentono di avere anche una grande possibilità. Saranno in grado di gestire il tutto?

Per saperne di più, non vi resta che vedere la puntata, e che il viaggio nell’Oltretomba abbia inizio.

About Edoardo Fasano

Edoardo Fasano
Studente di matematica e appassionato di serie tv. Continua a sperare che i suoi personaggi preferiti non muoiano, invano. Ascolta un po' di tutto, vede un po' di tutto.

Guarda anche

rolling-thunder-revue-recensione-film-copertina

Rolling Thunder Revue: Scorsese torna a raccontare Bob Dylan – Recensione

Dopo “No Direction Home” (2005), Scorsese racconta di nuovo Bob Dylan in un documentario prodotto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.