Home / CINEMA / NASTRI 70 – Consegnati a Roma a sorpresa i primi cinque Nastri
Nastri-70-copertina

NASTRI 70 – Consegnati a Roma a sorpresa i primi cinque Nastri

Grande cinema e glamour al MAXXI con una maxi festa per il cinema italiano aspettando Taormina (Sabato 2 Luglio, al Teatro Antico)

Maurizio Calvesi per la fotografia di Non essere cattivo e Le confessioni, Paki Meduri per la scenografia di Alaska e Suburra, Catia Dottori per i costumi di La pazza gioia, Gianni Vezzosi per il montaggio di Veloce come il vento e Angelo Bonanni  per il sonoro in presa diretta di Non essere cattivo sono i vincitori dei primi Nastri d’Argento 2016 consegnati dai giornalisti cinematografici a Roma nella serata che ha festeggiato candidati e premi speciali insieme al compleanno del Sindacato e dei Nastri, nati nella primavera del 1946.

Guarda il Photo Album – “Nastri D’Argento 2016” Parte 1 #Nastri70

Li ha premiati nelle cinquine dei candidati 2016 una giuria speciale del Sngci che ha votato anticipando il verdetto che seguirà nelle altre categorie per i Nastri in vista del gran finale del 2 Luglio al Teatro Antico di Taormina.

Dal 6 al 20 Giugno il voto dei giornalisti cinematografici iscritti al SNGCI che organizzano, come sempre, anche questa 70.ma edizione – main sponsor BNL Gruppo BNP Paribas – con il sostegno istituzionale di MiBACT-Direzione Generale per il Cinema, e in occasione delle “cinquine” a Roma con il patrocinio della Regione Lazio (e il sostegno della Roma Lazio Film Commission). I premi verranno poi consegnati a Taormina, al Teatro Antico, grazie al contributo della Regione Siciliana, Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo, Sicilia Film Commission, nell’ambito del progetto ‘Sensi Contemporanei’.

Grande successo intanto della serata romana per il documentario di Antonello Sarno Nastri70 Argento vivo sulla storia del Premio e per la prima edizione del Premio Graziella Bonacchi che  a Taormina segnalerà un attore o un’attrice under 35 di particolare talento. Un compleanno che i Giornalisti hanno condiviso, con tanti giovani, innanzitutto i ragazzi di Un bacio di Ivan Cotroneo premiati con il BIraghi andato anche (con Nuovo Imaie) a Moisè Curia. Ma soprattutto con Stefania Sandrelli, eccezionalmente Nastro d’Oro: ”I Nastri sono il premio più importante italiano, sono stati i primi riconoscimenti destinati al nostro cinema, per tutti noi come un faro” ha detto. E ha concluso autoironica anche sui suoi prossimi 70 in arrivo: ”Anche la Repubblica ha 70 anni… Siamo giovani, perché ci vuole molto tempo per diventarlo”.

Photo Album – “Nastri D’Argento 2016” Parte 2 #Nastri70

Tra gli ospiti della serata Paolo Virzì e Micaela Ramazzotti (La pazza gioia è il film più nominato di quest’anno, con 10 candidature), Valeria Golino con Giuseppe Gaudino, Gabriele Mainetti e Claudio Santamaria, Piera degli Esposti, Valentina Carnelutti, Adriano Giannini e Monica Guerritore e ancora Greta Scarano, Alessandro Siani, Peppino Di Capri, Fiorella Mannoia, Pierfrancesco Favino e Claudio Amendola, Massimiliano Gallo e poi, oltre le candidature, Vittoria Puccini, Massimo Popolizio, Sabrina Impacciatore e la grande famiglia degli attori TNA che hanno promosso la prima edizione del Premio intitolato a Graziella Bonacchi. Autentica commozione quando Adelina Ponti, la mamma di Claudio Caligari, ha affiancato Valerio Mastandrea, Nastro d’Argento e tutto il cast del film ricevendo i premi per il film dell’anno, Non essere Cattivo.

I NASTRI D’ARGENTO 2016

Premio di interesse culturale nazionale, i NASTRI d’ARGENTO, quest’anno alla 70.ma edizione, sono una produzione del SNGCI – Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani – realizzata con il sostegno del MiBACT, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Turismo- Direzione generale per il cinema, main sponsor BNL- Gruppo BNP Paribas – di alcuni partner istituzionali: la Regione Lazio con il patrocinio e il supporto della Roma Lazio Film Commission a Roma, laRegione Siciliana, Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo, Sicilia Film Commission, nell’ambito del progetto “Sensi Contemporanei” .

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

tunue-presente-a-piu-libri-piu-liberi-copertina

Tunué presente a Più libri più liberi di Roma

Dal 4 all’8 dicembre la Tunué sarà presente a La Nuvola a Roma per la XX edizione di “Più …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.