Home / CINEMA / Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza di Roy Andersson – Recensione Film
Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza 02

Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza di Roy Andersson – Recensione Film

L’autore svedese Roy Anderson con Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza si è aggiudicato il Leone d’oro alla 71a mostra di Venezia chiude la trilogia iniziata con Canzoni del secondo piano (Premio della giuria al Festival di Cannes nel 2000) e proseguita con You, the Living nel 2007. Un regista anomalo, Roy Andersson, con appena cinque lungometraggi in 44 anni di attività. Che qui in modo ancor più ironico e surreale torna a raccontarci il mondo alla sua maniera. I suoi personaggi sono figure solitarie, parlano poco o nulla, hanno la stessa cera di un morto e sprigionano una comicità che nasce a contrasto della loro imperturbabilità di fronte al nulla dell’esistenza. A riprenderli una macchina da presa quasi sempre statica, una serie di piani sequenza per lo più a inquadratura fissa che dividono la pellicola in tanti micro-quadri in cui vengono riesumati i due protagonisti, moderni Stanlio e Ollio riscritti da Beckett. Primo film in digitale per Andersson, e grande lavoro alla fotografia di Istvàn Borbàs. Memorabile la sequenza nella taverna Lotta la zoppa di Göteborg.

About Fabrizio Papitto

Nato ad Alatri si è laureato in Lettere e Filosofia all'Università di Roma 'La Sapienza'. Nel 2012 è stato tra i finalisti del concorso 'Scrivere di cinema' premio Alberto Farassino. Ha frequentato il corso residenziale di critica cinematografica presso il Bobbio Film Festival - Edizione 2014. Nel 2015 ha svolto uno stage presso la redazione del settimanale Film Tv. Recentemente scrive di narrativa per Il Mucchio e ancora di cinema per MyMovies.

Guarda anche

past-lives-e-la-sala-professori-ora-in-4k-blu-ray-e-dvd-copertina

Past Lives e La sala professori ora in 4K, Blu-Ray e DVD

Past Lives e La sala professori: Due degli ultimi successi Lucky Red al cinema, arrivano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.