Home / CINEMA / Timbuktu di Abderrahmane Sissako – Recensione Film
Timbuktu

Timbuktu di Abderrahmane Sissako – Recensione Film

A poche settimane dalla strage parigina della rivista Charlie Hebdo arriva nelle sale cinematografiche italiane Timbuktu del regista mauritano Abderrahmane Sissako (Aspettando la felicità). Un’opera che descrive le conseguenze di una dittatura nei confronti di popolazioni più deboli quando vengono invase da un regime come quello degli jihadisti.

Popolazioni obbligate a rispettare  la shari’a, un termine arabo che significa di legge,  costrette ad abbandonare gli usi e costumi della propria cultura come l’ascolto di musica, la pratica sportiva e qualsiasi altra deviazione nata dalla visione coercitiva degli integralisti. Naturalmente in tutto questo non mancano le imposizioni nei confronti del sesso femminile come il dovere del velo.

Caratterizzato da una bellissima fotografia che accompagna alla perfezione le immagini del film, Timbuktu , ci mostra personaggi con sfaccettature molteplici, dove sono poche le persone che riescono a sottrarsi a questa follia. Grazie ad una buona scrittura Sissako offre un taglio molto realistico alla narrazione.

Un’opera straziante, essenziale nel messaggio ci presenta uomini e donne alla ricerca di una vita normale molestati e osteggiati da fucili e violenza.

Tra satira e tragedia Sissako costruisce un film di rabbia e senza rinunciare ad una vena di umorismo restituisce un trauma e dramma viscerale all’attenzione di tutti.

About Adriano Melita

Da sempre appassionato di Cinema in tutte le sue forme, che esse siano visive o cartacee. Entrato da poco a far parte del team di Daruma View ma ben intenzionato a non lasciare mai delusi i nostri lettori senza risparmiare critiche e/o elogi.

Guarda anche

minari-recensione-film-copertina

Minari – Demitizzazione del sogno americano visto dall’esterno – Recensione

Minari: Demitizzazione dell’America reaganiana che diventa un “circo delle sfighe” nella peggior tradizione del cinema …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.