Home / RECENSIONI / Azione / Road 47 di Vicente Ferraz – Recensione Film
Road 47 - 02

Road 47 di Vicente Ferraz – Recensione Film

Road 47 non è un film di effetti speciali, grandi azioni militari e spiegamento di uomini e mezzi. è invece un film di personaggi, che non comunicano con facilità, che non si conoscono, che si temono tra loro ma che, al tempo stesso, si aiuteranno l’un l’altro. E’ una storia dedicata a questi due grandi Paesi, per raccontare un lato abbastanza sconosciuto della storiografia di entrambi.

Le cose chiare fin dall’inizio della visione del film sono prevalentemente tre: C’è un sacco di neve in Friuli, la troupe responsabile delle riprese salta e si rotola atleticamente per le sequenze (tante) dal vivo e non ci resta che stimarla profondamente , i protagonisti di Ferraz non sono che ignari eroi per caso. Qualcuno è mosso dalla volontà di riscatto, qualcuno dalla condizione di disertore, qualcuno perchè vuole tornare a casa nel minor tempo possibileNessuno di loro ha lo sguardo fiero e affilato dell’eroe vissuto in cerca di riconoscimento ufficiale. Per questo vorrete bene a tutti loro.

Il Secondo Conflitto Mondiale sembra appartenere alla memoria di altri popoli, che poco hanno a che fare con noi; i soldati dei diversi schieramenti cominciano ad assumere i contorni di figure-macchiette (i Tedeschi spietati; gli Americani ricchi, alti, in salute e pieni di sigarette e cioccolato; gli Italiani “core a core”; i Giapponesi pazzi suicidi scatenati etc.”) Del panico, del dolore, della voglia di smettere di ammazzare si parla poco.

Prendete un gruppo composto da quattro giovani brasiliani, un giornalista, un italiano in fuga (Sergio Rubini) ed un Tedesco moribondo che li aiuta a tornare sulla strada 47 e provate a recuperare QUELLA memoria perduta.
I protagonisti di Road 47 hanno tutti da dire qualcosa, dicendolo o mostrandolo. Particolarmente toccanti ed intensi i ruoli di Piauì (Francisco Gaspar) e del Colonnello Mayer (Richad Sammel). Ottima la regia e la sceneggiatura con chicche che vi piacerà citare. Nota positiva anche per la fotografia di Carlos A. De Montis e per il montaggio di Mair Tavares, che non risparmiano neanche un secondo di “freddo” e di inadeguatezza allo spettatore.

La Storia, dicono i militari, è fatta di pubblicazioni ufficiali e di episodi. Qualcuno diventa leggenda locale, altri vengono dimenticati. E’ bello, da oggi, poter dire “Il Sudamerica rimase neutrale, ma c’erano quei dodicimila.”

Istruttivo.

About Giovanna Trantino

Sicula & terrona doc, da piccola le piaceva disegnare, scrivere e cantare. Adesso canticchia, disegnicchia e scribacchia prima, durante e dopo la visione di Film e Serie Tv. Ogni tanto si aliena con pellicole dalle imponenti colonne sonore, libri di fantascienza e graphic novels. Siccome i soldi le fanno schifo, recentemente si é anche iscritta ad un corso d'Inglese per pippe. Sogna di indossare le vesti di una supereroina dei manga giapponesi e di rubare un vestito color cipria a Scarlett Johansson. Talvolta entra dentro i centri scommesse e si trasforma in una Logopedista. Scrive da pochissimo per Daruma, fondamentalmente perché le piace sindacare, polemizzare e chiacchierare di Cinema e dintorni.

Guarda anche

cinecitta-si-mostra-compie-10-anni-copertina

Cinecittà si Mostra compie 10 anni! da mercoledì 28 Aprile un nuovo inizio!

Cinecittà si Mostra compie 10 anni e festeggia con nuovi allestimenti: 25 tra sculture e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.