Home / RECENSIONI / Drammatico / Qualcosa di buono di George C. Wolfe – Recensione Film

Qualcosa di buono di George C. Wolfe – Recensione Film

Tratto dal romanzo di Michelle Widsen del 2006 “You are not you”, “Qualcosa di buono segna il ritorno sul grande schermo di una Hilary Swank in grande forma e di una splendida sorpresa nella 25enne Emmy Rossum.

L’ennesima trasformazione fisica per l’attrice protagonista, due volte trionfatrice in casa Academy grazie al ruolo del transgender Brandon Teena in Boys Don’t Cry e del pugile in Million Dollar Baby; in Qualcosa di Buono la Swank veste i panni di Kate, fascinosa pianista di musica classica sposata, innamorata, elegante, dai modi garbati e dalla vita agiata. Il mondo inizia però a crollarle addosso all’età di 35 anni, quando scopre di avere la SLA. Emmy Rossum è invece Bec, scapestrata studentessa universitaria nonché aspirante cantante rock che si propone di ‘assistere’ la malata Kate. La storia di due intime estranee e l’influenza che entrambe eserciteranno nella vita dell’altra dando vita ad un’amicizia fatta di evidente necessità e di reciproca fiducia.

Nonostante i tanti momenti da “commedia” dovuti alla sbadataggine di Bec, alla sua goffaggine e al suo modo di vivere alla giornata che doneranno a kate un nuovo punto di vista e anche il coraggio di essere se stessa, il regista George C. Wolfe pone l’accento soprattutto sulla parte commovente e drammatica della malattia, evidenziandone la degenerazione e i cambiamenti non solo fisici che la protagonista subisce a causa della malattia.

Come indica il titolo originale “You’re not you” (Tu non sei tu), frase che Kate dice a Bec nel film, tutti i personaggi non sono loro stessi ma imprigionati dell’immagine che danno di sé, fino a quando tutti inizieranno a prendere coscienza dell’esistenza di un’immagine più complessa e profonda che è la propria interiorità. E’ forse questa la vera forza di Qualcosa di buono: avvicinare ogni personaggio alla propria vera identità.

About Federica Rizzo

Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

the-lost-city-recensione-film

The Lost City – Da Luglio in DVD, Bluray e 4K

Scopri un’avventura elettrizzante, un tesoro leggendario e fatti delle grosse risate con la divertentissima commedia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.