Home / CINEMA / Partisan di Ariel Kleiman – Recensione Film
Partisan di Ariel Kleiman - 01

Partisan di Ariel Kleiman – Recensione Film

Le sale cinematografiche riaprono i battenti il 27 Agosto con un film molto interessante e di ottima fattura: Partisan, thriller psicologico dal ritmo incalzante distribuito in Italia  da I Wonder Pictures, nota per la distribuzione di importanti documentari.

Diretto da Ariel Kleiman , al suo esordio nel lungometraggio dopo una serie di pluripremiati corti, il film è ambientato quasi interamente all’interno della Comunità di donne e bambini guidata da Gregori, un carismatico ed ammaliante leader, una sorta di Pifferaio Magico che usa l’arma più potente che esista, la parola, con l’illusione di un’alternativa apparentemente idilliaca a un mondo che lui odia e dal quale vuole isolarsi, predicando la violenza. Gregori è magistralmente interpretato da un inedito Vincent Cassel, attore internazionale molto ricercato nell’ultimo anno, che riesce abilmente a diversificare i suoi personaggi e ad ambientarsi in ogni tipo di produzione.

Parte dei meriti di Partisan vanno al regista che grazie al suo stile scarno, secco e per nulla incline al fronzolo, riesca a mostrare l’assurdità di questo piccolo mondo attraverso un filtro stilistico realistico, scandendone i riti, i ritmi e spogliandolo, per quanto è possibile, di ogni elemento che ne suggerisca o amplifichi la straordinarietà. Kleiman cerca di imporre un freno narrativo alla storia, tutta giocata su un’eccessiva tensione sotterranea.

Partisan non è solo la storia di  Gregori ma anche e soprattutto quella di Alexander – interpretato in modo impeccabile da un giovanissimo Jeremy Chabriel – un bambino molto maturo per la sua età, il prediletto di Gregori, attraverso i cui occhi disincantati la trama si costruisce. A dispetto dell’educazione ricevuta, Alex capisce l’importanza di un pensiero indipendente e si ribella regalandoci un interrogativo: è giusta una visione della vita come quella di Gregori? Isolare le problematiche e crescere in un mondo controllato o affrontare la vita vera?

E sul finale…. beh c’è da rimanere incollati alla poltrona.

About Francesco Salvetti

Laureando in Ingegneria Gestionale presso l'università di Tor Vergata, da sempre appassionato di cinema.

Guarda anche

bologna-polar-romanzo-stefano-falotico-copertina

Bologna POLAR – Io non voglio morire, il nuovo romanzo di Stefano Falotico

Ebbene, dopo il capostipite e coraggioso, strampalato e visionario Bologna insanguinata e il suo seguito, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.