Home / CINEMA / Motel di David Grovic – Recensione Film
Motel 01

Motel di David Grovic – Recensione Film

Qualcosa è andato storto in quel Motel. Qualcosa di grosso anche. The Bag Man ma anche The “Bug” Man. Che è David Grovic alla sua opera prima (e ultima?) ma anche Paul Conway, co-sceneggiatore assieme al regista, ma anche attori in stato di disgrazia, ma anche un plot che qualcuno dovrà spiegarci cosa condivide con la fiaba psicoanalitica di Marie-Louise Von Franz, una delle ultime allieve di Jung, cui il film dichiara apertamente di ispirarsi. Gli archetipi, probabilmente, in queste quasi due ore di cattivo riciclaggio di tutti i più vieti stereotipi del genere. Il sicario disilluso attaccato alla bottiglia e debole di cuore, la bellona seducente doppiogiochista, il boss schizoide e paranoico (un De Niro ridotto da anni alla radice quadrata della propria caricatura), cattivi di contorno presi al discount dei villain (un nano bianco con la pelata e un guercio di colore), poliziotti corrotti e colpi di scena telefonati dal satellite. E un finale che resta in sospeso, non si sa mai dovesse capitare di fare un’altra sosta nello stesso Motel. Ma noi, con tutta sincerità, speriamo che il viaggio finisca qui. Da registrare anche, pioggia sul bagnato, il pessimo doppiaggio italiano.

https://www.youtube.com/watch?v=kWUGOXwjv4k

About Fabrizio Papitto

Nato ad Alatri si è laureato in Lettere e Filosofia all'Università di Roma 'La Sapienza'. Nel 2012 è stato tra i finalisti del concorso 'Scrivere di cinema' premio Alberto Farassino. Ha frequentato il corso residenziale di critica cinematografica presso il Bobbio Film Festival - Edizione 2014. Nel 2015 ha svolto uno stage presso la redazione del settimanale Film Tv. Recentemente scrive di narrativa per Il Mucchio e ancora di cinema per MyMovies.

Guarda anche

racconti-cinema-jackie-brown-quentin-tarantino-locandina

Racconti di Cinema – Jackie Brown di Quentin Tarantino con Pam Grier, Samuel L. Jackson, Robert De Niro e Bridget Fonda

Oggi, saltiamo ancora una volta repentinamente e intrepidamente indietro nel tempo e nelle nostre memorie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.