Home / CINEMA / Lontana da me – Abbiamo incontrato Mirko Trovato, Clara Alonso e il cast al Fiction Fest

Lontana da me – Abbiamo incontrato Mirko Trovato, Clara Alonso e il cast al Fiction Fest

Arriverà, in esclusiva per la piattaforma web della Rai, Ray (www.ray.it), Lontana da me, web series in 11 episodi da 8 minuti più una puntata extra, diretta da un regista che di web se ne intende come Claudio Di Biagio e interpretato da due beniamini dei giovanissimi Clara Alonso e Mirko Trovato.

La serie prodotta da Palomar in collaborazione con Rai Fiction è stata presentata questa mattina al Fiction Fest. Abbiamo incontrato regista, produttori e cast e ci siamo fatti raccontare qualcosa in più su questa novità. Sono proprio Tinni Andreatta direttore di Rai Fiction e i due produttori Carlo Degli Esposti e Nicola Serra a raccontarci come è nata l’idea e come si è sviluppata:

“Grazie al grandissimo lavoro personale di Carlo Degli Esposti che dedica ormai più tempo al web che non alla sua vita personale, abbiamo costruito un rapporto anche con la comunità dei più giovani molto forte. Visto che le sfide piacciono sia a noi e moltissimo appunto a Carlo e alla Palomar, abbiamo deciso di raccontare una storia che nasce per il web e che, abbiamo ambizioni sfrenate, possa avere tutti i tipi di declinazione, compreso portarlo porta a porta nelle case delle persone, ma insomma la radio, la televisione, il web e per questo, forse Carlo meglio di me potrà raccontarvi la genesi..”

“Beh è semplicissimo, noi siamo molto pop, pensiamo di raggiungere il target di pubblico che è adatto a questa storia. Una storia d’amore, una storia d’amore dentro ad una generazione e la cosa di cui andiamo fieri è che non si sente quel giovanilismo, quella pulsione che si sente in molti racconti di questo tipo, ma abbiamo ricercato, lavorando molto con regista, sceneggiatori e attori generazionali, riuscendo in un racconto lasciandogli spazio, aria. Sarà una web series, noi però abbiamo ambizioni serie, vorremmo fare un’unica proiezione al Madison Square Garden, forse con la seconda serie….”

“Abbiamo affrontato, dopo l’esperienza di Braccialetti Rossi, che è nata parallelamente l’argomento web con questa community, abbiamo cercato di fare questa web series partendo dalla cosa che a noi viene più facile ossia dal racconto. Quindi non è una web situazione, non è una web di satira ma è un racconto  in 12 puntate. Abbiamo costruito un gruppo che a colpi di entusiasmi è arrivato in fondo al lavoro. Di questo gruppo di lavoro elemento importante è la musica: hanno fatto parte il compositore della colonna sonora che fin dalle prime fasi hanno intrecciato la costruzione del racconto con la collaborazione di artisti come i Dear Jack, Coez e tanti altri giovani.”

lontana da me_scena1

Vorrei chiedere a Mirko attore se condivide la tenacia di Mirko personaggio e quindi se nella stessa situazione sarebbe andato fino in fondo provandole tutte…

“Assolutamente si. Diciamo che le cavolate che faccio in Lontana da me sono le cavolate che purtroppo si fanno anche nella vita reale. Comunque si, io andrei assolutamente fino in fondo se amo una persona certo.”

Carlo Degli Esposti interviene scherzando: “Se avete delle domande complicate fatele a Clara, Daniel e a Mirko fate delle domande molto semplici…”

Per il regista: come ha scelto il cast? Mi sembrano molto reali. I personaggi mi danno la sensazione di somigliare molto agli attori che li interpretano…

“Il discorso è che il gruppo di lavoro di questa web series si è composto con tante idee e insieme a queste idee abbiamo pensato anche al cast da portare nella serie. Quindi, diciamo che incontrando varie realtà i personaggi si sono adattati agli attori. Secondo me è bello così perchè sul set è stato interessante per esempio avvicinare le età dei due protagonisti. Questa è stata la grande sfida che ci siamo posti, visto che Clara ha 25 anni e 16 Mirko, da 5 anni credo lui abbia 16 anni, quindi non cresce mai. La sfida prima quindi è stata questa e di rendere dolce questa storia d’amore. Gli altri attori alcuni sono venuti fuori tramite provini che abbiamo fatto. E sono reali, sono veri come le cose che succedono nella serie. Volendo raccontare una storia di giovani, non potevamo non mettere in mezzo internet e quindi non potevamo non attenerci alla realtà.”

Ho una curiosità rivolta agli attori: come gestite la popolarità, nel senso che molti giovani si identificano in voi, volevo capire, nonostante la giovane età come gestite questa cosa…

Daniel Tenorio: “E’ facile, li puoi accontentare con una foto o con un autografo. E’ facile!!”

Clara Alonso: “Posso parlare in relazione alla mia esperienza precedente, ho fatto Violetta ed è uscito in tanti paesi del mondo e questo mi ha insegnato che un progetto può arrivare a tante tante persone e oggi con internet c’è questa facilità per comunicare con noi, attraverso twitter, facebook, tutti questi social networks. Loro possono avvicinarsi a noi e questo è meraviglioso anche se a volte è strano, loro ti conoscono tanto che si sentono tuoi amici, questo è carino ma è anche strano. Ma è bellissimo che si possa arrivare a tante persone.”

Mirko Trovato: “Non mi sarei mai aspettato tutto questo seguito dopo Braccialetti Rossi, sono molto contento. Oltre al successo Braccialetti è stata anche un’esperienza di vita, perchè mi ha insegnato tante cose, mi ha fatto approcciare al mondo della malattia che conoscevo ma non così in fondo.”

A Clara, cosa ti porti dietro dall’esperienza di Violetta?

“Da Violetta mi porto dietro tante cose: ho avuto la possibilità di imparare tanto e anche la possibilità di lavorare in altri posti come in Italia e di sentirmi a casa anche qui.”

lontana da me_conferenza

About Federica Rizzo

Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

la-paranza-dei-bambini-recensione-film-02

La paranza dei bambini: il cinema italiano che vorremmo vedere più spesso

“La paranza dei bambini”, basato sull’omonimo romanzo di Roberto Saviano, è tra i migliori esempi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.