Home / CINEMA / Le regole del caos di Alan Rickman – Recensione Film
Le regole del caos di Alan Rickman -02

Le regole del caos di Alan Rickman – Recensione Film

Se di esperimento si è trattato, si è perso di vista lo scopo della sperimentazione in “Le regole del caos” . Gli ingredienti ed i presupposti per partorire un bel filmone sentimentale da scatolone di Kleenex c’erano tutti: Background drammatico da manuale, Cast di super-qualità, Alan Rickman parruccato da Re Sole, performances recitative eccellenti, lo sfondo di Versailles e dei palazzi reali, i costumi da melodramma, belle idee.

Com’è possibile che delle promesse del titolo e del soggetto sia rimasto solo il Caos e neanche l’ombra di una Regola?

I buchi ci sono e sono importanti e dei giardini ridondanti, dei fiori, dei prati nessuna traccia. Si, era voluto. Il vero giardino da coltivare era quello delle relazioni umane e la vera rosa che sboccia è Sabine, ma se si sente il bisogno di ripeterlo continuamente a parole vuol dire che il messaggio non è capace di penetrare autonomamente.

Bellissimi i dialoghi delle “madri” nel salotto e del “Re spoglio” e Sabine nel giardino. Purtroppo il potenziale di dolcezza e delicatezza scivolano via su questo terreno impermeabile che non riesce ad assorbire realmente il ruscello limpido che lo irriga. Dispiacere nel constatare di trovarsi davanti all’ennesimo buon proposito che non soddisfa le promesse del Trailer e delle presentazioni in pompa magna.

E speriamo bene per il doppiaggio italiano.

About Giovanna Trantino

Sicula & terrona doc, da piccola le piaceva disegnare, scrivere e cantare. Adesso canticchia, disegnicchia e scribacchia prima, durante e dopo la visione di Film e Serie Tv. Ogni tanto si aliena con pellicole dalle imponenti colonne sonore, libri di fantascienza e graphic novels. Siccome i soldi le fanno schifo, recentemente si é anche iscritta ad un corso d'Inglese per pippe. Sogna di indossare le vesti di una supereroina dei manga giapponesi e di rubare un vestito color cipria a Scarlett Johansson. Talvolta entra dentro i centri scommesse e si trasforma in una Logopedista. Scrive da pochissimo per Daruma, fondamentalmente perché le piace sindacare, polemizzare e chiacchierare di Cinema e dintorni.

Guarda anche

pig-recensione-bluray-copertina

Pig – Recensione del Bluray del film con Nicolas Cage

Pig : la nostra recensione del film di Michael Sarnoski con un indimenticabile Nicolas Cage …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.