Home / CINEMA / La Chioma di Berenice – XVII Edizione del Premio Internazionale Cinearti

La Chioma di Berenice – XVII Edizione del Premio Internazionale Cinearti

che premia ogni anno alcune delle arti e maestranze di cruciale importanza all’interno del ciclo di produzione cinematografica ma che molto spesso sono, se non in rare occasioni, dimenticate se paragonate ai glitterati riconoscimenti e alla sovraesposizione mediatica di cui altre categorie del cinema godono all’interno dello showbiz.

La Chioma di Berenice premia invece proprio questi squisiti artigiani del cinema italiano e la particolarità che rende il premio particolarmente sentito dagli addetti ai lavori, è che sono proprio le categorie stesse a premiare i propri vincitori. Dieci le sessioni, rispettivamente per cinema e TV: miglior acconciatura; miglior trucco; migliori costumi; miglior scenografia; miglior colonna sonora.

L’idea del riconoscimento nasce nel 1998 dalla CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) e da Cosmoprof, la più importante rassegna dedicata alla bellezza.

Presentatore della serata un brillante Giancarlo Magalli che ha saputo regalare sorrisi e piacevole ironia tra una premiazione e l’altra. Presidente di giuria Ugo Gregoretti e direttori del premio Filippo D’Andrea e Daniele Vaccarino.

La serata è stata caratterizzata dalla partecipazione di illustri personalità del cinema e della televisione italiana che hanno portato omaggio agli artisti premiati. Elena Sofia Ricci, Dario Argento, Riccardo RossiPino Donaggio (premio alla carriera), Gigi Marzullo (premio speciale per il suo impegno nell’esposizione televisiva dei contenuti cinematografici), sono solo alcuni dei nomi che si sono susseguiti sul palco a consegnare le statuette.

I vincitori:

Migliore acconciatura cinema – Francesco Pegoretti

Miglior trucco cinema: Gino Tamagnini, Diego Prestopino

Migliori costumi cinema: Massimo Cantini Parrini

Miglior scenografia cinema: Alessia Anfuso, Dimitri Capuani

Colonna sonora cinema: Gabriele Roberto

Scenografia fiction: Paki Meduri

Acconciature fiction: Ferdinando Metila e Aldo Signorotti

Miglior trucco fiction: Elisabetta Emidi

Migliori costumi fiction: Sergio Ballo

Miglior colonna sonora fiction: Stefano Caprioli

About Tommaso Cartia

Sensibile sin da piccolo a tutte le forme di espressione artistica (si cimenta nella scrittura, nella musica, nella pittura, del teatro). Laureato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in Storia e Critica del Cinema.

Guarda anche

gatto-a-nove-code-recensione-bluray-copertina

Il Gatto a Nove Code – Recensione del Bluray del film di Dario Argento con James Franciscus, Karl Malden e Catherine Spaak

Il Gatto a Nove Code: In occasione del ritorno cinematografico del maestro Dario Argento, vi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.