Home / CINEMA / In fondo al bosco di Stefano Lodovichi – Recensione Film

In fondo al bosco di Stefano Lodovichi – Recensione Film

Prima produzione originale Sky Cinema destinata alle sale, In fondo al bosco è un thriller noir che si svolge interamente nella trentina Val di Fassa, un film di genere che nasconde segreti e misteri e che ha l’ambizione di racchiudere in un unico prodotto i recenti fatti di cronaca nera.

Ispirato dalla festa mitologica dei Krampus, che avviene ogni 5 dicembre in Val di Fassa con una sfilata di diavoli travestiti tra cui, secondo la leggenda, si nasconde il vero Satana pronto a punire i bambini cattivi, In fondo al bosco utilizza la maschera del Krampus per indagare e rivelare il lato oscuro delle persone. Ogni personaggio del film, infatti, ha dei segreti, indossa una maschera e cela un’identità più complessa e nascosta. La struttura del film non è particolarmente originale ma funzionale: il presente, ambientato cinque anni dopo la scomparsa del bambino, si alterna ai flashback nel bosco, durante le ricerche. Interessante la fotografia e la ricerca cromatica che asseconda i salti temporali, passando da un rosso diabolico al bianco gelido di tormenta meteorologica e psicologica.

Sorprende sicuramente Lodovichi per il coraggio di cavalcare il genere noir con consapevolezza, consegnando allo spettatore un’oscura immersione nei misteri della provincia italiana, anche se sembra bloccarsi nelle sperimentazioni che risultano  appena accennate (accentuare lo spirito immaginifico della festa tradizionale dei Krampus sarebbe stato molto interessante), lasciandosi andare a un linguaggio di genere consolidato e largamente conosciuto.

Rilasciando i fatti a piccole dosi, così da mantenere viva la suspense, In fondo al bosco risulta comunque un’opera godibile, mantenendo centrale soprattutto il dramma umano e la lotta oscura di ogni personaggio contro i propri sensi di colpa.

About Federica Rizzo

Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

la-casa-in-fondo-al-lago-recensione-film-copertina

La Casa in Fondo al Lago – Il duo dietro l’incubo di “À l’intérieur” torna in sala – Recensione

La Casa in Fondo al Lago: Alexandre Bustillo e Julien Maury, dirigono come sempre insieme …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.