Home / CINEMA / Daruma e la Festa del Film di Roma – Day 2
Room-trailer festa del cinema di roma

Daruma e la Festa del Film di Roma – Day 2

La giornata di oggi è cominciata con tre film davvero interessanti e intriganti : “Lo chiamavano Jeeg Robot” con l’esordiente al cinema Ilenia Pastorelli che vi sorprenderà e ormai il Jocker italiano, l’attore giovane più talentuoso del momento Luca Marinelli, nella Sala Petrassi il regiata giapponese Sion Sono ci ha letteralmente trasportato in un’universo parallelo con il riflessivo “The Whispering Star” e per finire il meraviglioso e ed emotivamente devastante “Room” con una prova assolutamente convincente del giovane protagonista, Jacob Tremblay. La nostra giornata è terminata con qualche recupero di pellicole e con l’incontro di giornata con Jude Law che ha evitato completamente il contatto con la stampa e anche con gran pare dei fan.  Sala Sinopoli completamente piena per incontrare il divo che tra spezzoni di suoi film e aneddoti dei registi con cui ha lavorato, ci ha raccontato il set italiano con Paolo Sorrentino e come considera il suo essere attore.

Di seguito tutti i commenti di giornata

Room di Lenny Abrahamson “La meraviglia dell’esserci vivi anche nel dramma claustrofobico della prigionia di una stanza. Una storia forte, originale e di grande impatto emotivo. Brie Larson regala un’interpretazione commovente. Regia pulita ed elegante, al servizio della narrazione della storia e dei personaggi senza particolari guizzi estetici. Premio del pubblico al festival di Toronto ora in anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma” (Tommaso Cartia)

Room di Lenny Abrahamson “Toccante ritratto di una madre e un figlio costretti a vivere in una stanza e la bellezza del mondo attraverso gli occhi di un bambino che per la prima volta a 5 anni si affaccia alla vita vera. Soggettive interessanti, interpretazioni commoventi e Montagne russe emotive assicurate.” (Federica Rizzo)

Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti “Il genere supereroistico con i cattivi, gli ostacoli e le difficoltà, si fonde con la commedia, il dramma e la realtà tutta italiana per un’opera davvero ben scritta e ben interpretata. Il supereroe in questione è un ragazzo di borgata qualunque che riesce a tirar fuori, attraverso il super potere più grande al mondo, l’amore, la sua vera essenza.” (Federica Rizzo)

Four Kings di Theresa Voneltz “Il tema caldo del Natale in una clinica psichiatrica per ragazzi dai comportamenti disturbati diventa l’occasione per parlare di come a volte ci sia bisogno soltanto di ascolto e di aiuto. Un film intenso, con un buon soggetto e dal finale aperto.” (Federica Rizzo)

The Whispering Star di Sion Sono “Spazio profondo, silenzi e una fotografia in bianco e nero pazzesca. Il regista giapponese continua il suo percorso di riflessione su Fukushima attraverso un progetto ostico e denso di azioni e commenti sonori ripetuti. Durante la visione abbiamo perso più di un collega tra collassi sulla poltrona tra le braccia di Morfeo e uscita anticipata dalla sala. Non era il Sono che volevamo per scaldare gli animi freddi della festa ma resta un’opera affascinate da vedere più di una volta e da valutare attentamente.”

Guarda le Foto del Secondo Giorno 

 

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

avatar-james-cameron-cinema-copertina

Avatar – Abbiamo incontrato James Cameron per il suo ritorno al cinema!

Aspettando Avatar: La via dell’acqua: la conferenza stampa di James Cameron e il cast per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.