Home / RECENSIONI / Animazione / Boxtrolls – Le Scatole Magiche (Blu-Ray Disc 3D/2D) Recensione
BoxTrolls 02

Boxtrolls – Le Scatole Magiche (Blu-Ray Disc 3D/2D) Recensione

[toggles]

Video

Video

Trasposizione domestica senza sbavature per Universal Pictures e Laika che attraverso il solito disco combo 3D/2D, in unico disco, ci propongono nel migliore dei modi la bellezza visiva del loro ultimo capolavoro Boxtrolls – Le Scatole Magiche. Caratterizzato da un tipo di animazione di base in stop motion il versante video è assolutamente stupefacente in entrambe le trasposizioni. La versione 3D offre ovviamente una profondità di campo migliore grazie all’elevata tridimensionalità. Da par suo la visione in due dimensioni si difende attraverso una messa in scena pulita che se pur priva di profondità marcata gode dello stesso sconvolgente dettaglio.

[/toggles]

[toggles]

Audio

Audio

Per quanto riguarda l’audio anche Boxtrolls – Le scatole magiche non è esente dalla piaga che affligge la maggior parte delle produzioni delle major estere. Anche in questo caso nessuna speranza di ottenere una traccia italiana in HD, ci si dovrà accontentare di una buon e comunque godibile 5.1 capace di rendere al meglio l’atmosfera del film. Naturalmente come sempre la traccia originale ci viene proposta in un DTS HD Master Audio migliore alla voce profondità e potenza.

[/toggles]

[toggles]

Contenuti Extra

Contenuti Extra

Ricco e da non perdere il versante dei contenuti speciale che include un dettagliato approfondimento sulle tecniche utilizzate per realizzare il film. Indispensabili per i più piccoli la presenza di due piacevoli omaggi: un esclusivo Boxtroll da ritagliare e costruire e sei simpatici sticker con i protagonisti del film.

Sequenze preliminari animate (17:00) Sei sequenze introduttive con il commento opzionale dei registi
Una vita quadrata: dietro le quinte di Boxtrolls (33:00) Interessante documentario diviso in 5 capitoli sulle tecniche utilizzate per realizzare il film.
Curiosità dal set (13:00) Cinque brevi featturette sul processo creativo
Commento al Film del Regista Graham Annable e Anthony Stacchi – Commento dei registi per tutta la durata del film (sottotitolato in italiano)

[toggles]

[/toggles]

The Boxtrolls – Le Scatole Magiche – Il Film

Terzo film cinematografico per lo studio di animazione  LAIKA Entertainment in stop-motion, tecnica che vede dei pupazzi mossi a mano dagli animatori. Studio famoso per le collaborazioni con Henry Selick, autore del capolavoro principe “Tim Burton’s The Nightmare Before Christmas” (1993)  nonché regista del primo film prodotto “Coraline e la porta magica” (2009).

Tratto dal romanzo best seller “Arrivano i Mostri” di Alan Snow,  la pellicola ci immerge nella curiosa e simpatica comunità dei boxtrolls, creature bizzarre e creative che, hanno amorevolmente adottato e cresciuto un bambino orfano, Uovo. Singolare peculiarità di questi misteriosi mostriciattoli è quella di vivere all’interno di scatole di cartone su cui è raffigurata l’immagine che ne caratterizza il nome. Pacifici e paurosi vivono una vita felice all’interno della rete fognaria di Pontecacio, una società di epoca vittoriana abitata dalle Tute Bianche ossessionata dai formaggi puzzolenti e spaventata a morte dalle leggende contro i loro coinquilini sotterranei. Governati da Lord Gogon-Zole capo delle Tube bianche, la ricca cittadina viene completamente soggiogata dal malvagio Archibald Arraffa, osteggiato malvivente determinato ad ottenere il consenso delle Tube bianche attraverso l’estinzione dei buffi boxtrolls.

Arte e animazione digitale si fondono in un’opera ironica, fantastica e coinvolgente. Fotogramma per fotogramma, ogni frame che muove i personaggi viene fotografato meticolosamente come viene anche illustrato nella simpatica scena dei titoli di coda, ci immergiamo in questo viaggio fantastico alla scoperta di personaggi caratterizzati in modo divino dagli artigiani dell’animazione. Ancora una volta ci viene raccontata una storia dinamica intinta di buio e luce, collocata in un periodo di tempo indefinito che strizza l’occhio allo streampunk e si ricollega all’epoca vittoriana.

Una miscela intelligente tra commedia dell’assurdo, avventura e detective story sorrette da morali comuni, chi sono e cosa voglio diventare, l’importanza delle proprie scelte e delle persone che scegliamo di avere al nostro fianco. Un film di formazione atipico e  intrigante, dedicato ai più piccoli ma assolutamente consigliato anche agli adulti. Combattere le barriere delle diversità attraverso l’utilizzo di un’opera meravigliosa, magari imperfetta ma di sicuro spessore etico e morale oltre che artistico.

Un mondo meraviglioso, emozionante e divertente simile ad un racconto di Charles Dickens, i Boxtrollos conquisteranno i vostri figli e vi regaleranno l’assoluto piacere di vederli maturare sotto i vostri occhi.

Una fiaba adulta e bizzarra che profuma di cinema tradizionale.

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

old-recensione-film-copertina

OLD – Tutta la vita in un granello di sabbia – Recensione

OLD: Basato sul graphic novel “Castello di sabbia” di Levy e Peeters, il ritorno al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.