Home / CINEMA / Bolgia Totale di Matteo Scifoni – Recensione Film
Roma. Il vecchio ispettore Quinto Cruciani (Giorgio Colangeli) è a pochi mesi dalla pensione, ma ormai alcolizzato e consumatore abituale di droghe. Inserito a forza in una delicata operazione anti-droga, si fa scappare il giovane spacciatore psicopatico Michele Loi (Domenico Diele), appena arrestato. Per evitargli la sospensione, l'ispettore capo Bonanza (Gianmarco Tognazzi) gli dà tre giorni di tempo per ritrovare il fuggitivo, poi sarà costretto a denunciare l'accaduto. E mentre Quinto si trova ad affrontare difficoltà economiche, malanni e problemi personali, Loi, cercato sia dalla polizia che dal suo ex socio in affari, tenta di organizzare una fuga a Portorico cercando di coinvolgere Zoe (Xhilda Lapardhaja): fuggire da tutto, andare via lontano e condurre finalmente una vita onesta insieme alla donna che ama.

Bolgia Totale di Matteo Scifoni – Recensione Film

Matteo Scifoni esordisce alla regia del lungometraggio con un noir d’ambientazione romana, Bolgia Totale il cui titolo apparentemente sbagliato, riesce invece a cogliere in molto adeguato la vera essenza della pellicola.

“Bolgia totale” è, infatti, non solo la situazione raccontata nel film ma è, anche la vita dei protagonisti, alle prese, tutti, con un’esistenza sbagliata, intricata, inconcludente. Il film ci catapulta nella vita di Quinto Cruciani, ispettore di polizia prossimo alla pensione, interpretato da un grande Giorgio Colangeli, e in quella del criminale Michele Loi, uno schizzatissimo Domenico Diele. Due figure disperate, entrambe sull’orlo del collasso, fisico e morale, che si muovono in un mondo marcio che sta cadendo a pezzi.

La sceneggiatura è ben curata, i dialoghi sono  studiati e molto ricercati, la fotografia restituisce perfettamente le atmosfere del thriller noir, il montaggio è poco fluido e difficile nella fruizione. Un film, dunque, a tratti a rischio fiacchezza ma che sfoggia una regia decisamente pulita e ben calibrata. Quel che è certo è che Bolgia totale è un ottimo noir: asciutto, violento e dannato.

Un cast di tutto rispetto, che vede tra gli altri,  Gianmarco Tognazzi, Stefano Fresi e Ivan Franek, e una serie di omaggi ad alcuni film del passato che hanno influenzato la crescita professionale del regista (ad esempio ”il buono il brutto e il cattivo”) completa un prodotto già di suo ben riuscito.

About Francesco Salvetti

Avatar
Laureando in Ingegneria Gestionale presso l'università di Tor Vergata, da sempre appassionato di cinema.

Guarda anche

il-regno-recensione-film-copertina

Il Regno: la storia di un autista d’autobus che diviene un re medievale – Recensione

Il Regno: Il film d’esordio di Francesco Fanuele fa riflettere sui problemi della nostra società …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.