Home / Ludovica Ottaviani (pagina 4)

Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Afterimage – Recensione – Un film di Andrzej Wajda

afterimage-recensione-copertina

Alla Festa del Cinema di Roma 2016 debutta l’atteso film del regista polacco Andrzej Wajda, “Afterimage” (Powidoki – Immagini Residue): un vero e proprio testamento spirituale che riflette sull’indipendenza dell’Arte nei confronti dei rapporti con il Potere, incline ad imbrigliare con ogni mezzo la Libertà d’espressione. Un pittore si approccia …

Continua a leggere »

The Rolling Stones Olé Olé Olé! : A Trip Across Latin America – Recensione – Un Film di Paul Dugdale

rolling-store-ole-ole-ole-film-recensione-copertina

I quattro sciamani del rock Mick, Keith, Ronnie e Charlie tornano con la loro carica rivoluzionaria, sovversiva e dirompente al cinema, scuotendo il Sud America e le sue secolari contraddizioni: questo racconta Paul Dugdale nel suo documentario The Rolling Stones Olé Olé Olé! : A Trip Across Latin America. I Rolling …

Continua a leggere »

Mine – Recensione – Un Film di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro

mine-film-2016-recensione-copertina

Continua la buena onda del cinema italiano contemporaneo: stavolta sono Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, con il loro Mine, a mostrare come sia una peculiarità tutta italiana “giocare” con i generi, rielaborandoli; anche quando si è alle prese con co-produzioni internazionali. In un indefinito deserto mediorientale, due soldati americani vagano alla ricerca del villaggio …

Continua a leggere »

Rara – Abbiamo incontrato la regista Pepa San Martin

rara-intervista-pepa-san-martin-copertina

Pepa San Martin, regista cilena al suo esordio con il lungometraggio Rara, è il ritratto vivente di un meraviglioso quadro della tradizione sudamericana: dotata di una voce dalle indefinite sfumature colorate, prova a contenere la propria personalità forte ed indipendente nei confini degli accessori che indossa, nel piccolo orecchino a …

Continua a leggere »