Home / Lorenzo Giovenga

Lorenzo Giovenga

Lorenzo Giovenga
Lorenzo Giovenga è un giovane regista italiano. Esordisce nel 2009, insieme al collega e amico Giuliano Giacomelli, col lungometraggio horror “La Progenie del Diavolo“. Insieme, sempre nel 2009, firmano anche i cortometraggi “Pianto Rosso” e “Voce dall’Inferno“. Nel 2011 fonda insieme a Giuliano Giacomelli e Lucio Zannella la Rec-Volution Lab.

Frank – Recensione del Blu-Ray Disc

frank-film-bluray-recensione-copertina

Frank: la genialità senza dissolutezza del meraviglioso film diretto Lenny Abrahamson arriva finalmente in home video con Koch Media Nel 1942 Giorgio De Chirico descrive il suo manichino metafisico come “un oggetto che possiede a un dipresso l’aspetto dell’uomo, ma senza il lato movimento e vita; il manichino è profondamente …

Continua a leggere »

Awakenings, coscienza dopo il sonno – Un cortometraggio di Michele Pastrello

Awakenings - coscienza dopo il sonno

“Awakenings, coscienza dopo il sonno”, quattro personaggi e una musica. Quattro storie accomunate da una lacrima, quella di Prometeo. Michele Pastrello torna, dopo il successo di “Desktop“, al short-shortmovie. 5 minuti a tempo di musica per raccontare solitudini, passioni e dolori umani. “Desktop” e “Awakenings, coscienza dopo il sonno” sono due corti …

Continua a leggere »

L’Ultima Parola – la vera storia di Dalton Trumbo di Jay Roach – Recensione Film

Ultima Parola - la vera storia di Dalton Trumbo di Jay Roach - 01

Trumbo era lo sceneggiatore più pagato al mondo quando, nel 1950, fu mandato in prigione per aver rifiutato di rispondere alle domande della famigerata Commissione per le attività antiamericane del Congresso. Ribelle, anche dopo il suo rilascio, Trumbo divenne il più prolifico sceneggiatore inserito nella 'lista nera' e ha scritto, sotto falso nome, classici come Vacanze romane e La più grande corrida, vincendo anche due Oscar.

Continua a leggere »

Remember di Atom Egoyan – Recensione Film

Remember-Atom-Egoyan-02

Zev sta perdendo la memoria a causa del morbo di Alzheimer. Così decide, insieme al suo caro amico Max, di dedicare le sue ultime energie per rintracciare il comandante nazista responsabile della morte delle loro famiglie. Poiché Max è troppo fragile per lasciare la casa di riposo, Zev è costretto a intraprendere da solo il viaggio che lo porterà al cospetto del loro ex aguzzino. Quando però si ritroverà faccia a faccia con il nemico di sempre, scoprirà una terribile verità.

Continua a leggere »