Home / RECENSIONI / Drammatico / White Flowers – Un intrigante viaggio visivo tra Italia e Giappone – Recensione

White Flowers – Un intrigante viaggio visivo tra Italia e Giappone – Recensione

White Flowers: Marco De Angelis e Antonio Trapani realizzano un film innovativo che però fa delle immagini il suo unico punto di forza. 

Un uomo si risveglia in una stanza di albergo con una ferita alla testa e senza più memoria. Parallelamente arriva a Genova Yuki, una disegnatrice giapponese in cerca di ispirazione per un manga. La giovane vive una profonda crisi creativa che riuscirà a superare grazie all’aiuto di Damiel, un ragazzo conosciuto in maniera apparentemente casuale in un bar di Genova. I due girano per la città in cerca di storie e il giovane propone di andare da un corniciaio solitario e silenzioso che sembra nascondere un segreto: si tratta dell’uomo senza più memoria. 

white-flowers-recensione-film-01

Cosa funziona in White Flowers 

White Flowers ambientato in parte in Giappone e in parte in Italia, tra Genova e Cosenza, riesce a fondere armonicamente elementi della cultura orientale e occidentale e a catturare sin da subito lo spettatore grazie all’eleganza delle sue immagini. Marco De Angelis e Antonio Trapani si muovono abilmente su due linee temporali diverse e riescono a combinare la ricerca visiva, tipica del loro cinema, con i caratteristici elementi del thriller e del dramma psicologico. 

white-flowers-recensione-film-03

Perché non guardare White Flowers

La trama del film, però, non riserva grandi sorprese. Molte svolte si rivelano prevedibili e i personaggi, per la maggior parte riconducibili a stereotipi, sembrano agire più per volontà degli autori che spinti da un reale desiderio. Fa eccezione il personaggio del corniciaio che si dimostra ben costruito e che grazie ai lunghi silenzi aumenta il mistero intorno alla sua figura. 

White Flowers, nonostante la debole trama, si rivela un film innovativo che fa della ricerca visiva il suo vero punto di forza. 

Il film è disponibile sulla piattaforma digitale The Film Club di Minerva Pictures.

Regia: Marco De Angelis (III), Antonio Di Trapani Con: Ivan Franek, Yuki Iwasaki, Mami Hayase, Hal Yamanouchi Anno: 2019 Durata: 126 Min Paese: Italia Distribuzione: Lo Scrittoio/Minerva Pictures

About Cristina Ceccarelli

Avatar

Guarda anche

memorie-di-un-assassino--recensione-bluray

Memorie di un assassino – Memories of Murder – Recensione del Bluray

Memorie di un assassino – Memories of Murder: Grazie al successo di Parasite con 4 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.