Home / RECENSIONI / Drammatico / Una Intima Convinzione – Un ottimo esordio alla regia per Antoine Raimbault – Recensione

Una Intima Convinzione – Un ottimo esordio alla regia per Antoine Raimbault – Recensione

Una Intima Convinzione: Dramma giudiziario francese diretto e senza troppi giri di parole che fa riflettere sul sistema della giustizia, sulla dignità delle persone e sul dibattito tra garantisti e giustizialisti.

Il film inizia con la spiegazione di quello che è accaduto anni prima: Jacques Viguier (Laurent Lucas) è stato accusato dell’omicidio della moglie, Suzanne, scomparsa e mai ritrovata. Nove anni dopo Jacques compare davanti alla Corte d’Assise, dove viene condannato. Nora (Marine Fois), madre di un ragazzo e cuoca in un piccolo bar di Tolosa, ha fatto parte della giuria al processo ed è convinta dell’innocenza dell’uomo. Cerca così di convincere l’avvocato Dupont-Moretti (Olivier Gourmet) ad assumerne la difesa quando viene fatto ricorso contro la sentenza d’accusa.

una-intima-convinzione-recensione-film

Cosa funziona Una Intima Convinzione

Un ottimo esordio registico per il francese Antoine Raimbault, il quale ha trasposto in un film la sua vicenda personale di spettatore al processo realmente accaduto. La trama è secca, diretta e non esce mai dalle questioni giudiziarie.

una-intima-convinzione-recensione-film-01

Il punto di forza principale è senza dubbio l’interpretazione di Olivier Gourmet nei panni dell’avvocato Dupont-Moretti. L’attore riesce a sostenere anche i momenti più lenti del film e riesce a far focalizzare l’attenzione su di lui in un mix di talento recitativo che culmina con la bellissima arringa finale davanti alla corte.

una-intima-convinzione-recensione-film-02

Perché non guardare Una Intima Convinzione

La sceneggiatura è strettamente legata alle questioni giudiziarie e lascia poco spazio a ciò che vi sta intorno e che potrebbe rendere la storia più umana e più coinvolgente. L’ossessione di Nora per il caso non assume mai una caratteristica umana, ma solo giuridica. A tratti sembra di guardare più una trasmissione televisiva sui processi che un film drammatico. Certi passaggi sono forse troppo sbrigativi e veloci e dovrebbero essere spiegati meglio. Per laureandi in giurisprudenza.

In una estate dove i cinema stanno riaprendo a fatica e le scelte non sono molte, Una Intima Convinzione è un buon motivo per tornare in sala e godersi un film al cinema.

Una Intima Convinzione è al cinema dal 30 luglio 2020 grazie a Movie Inspired.

Regia: Antoine Raimbault. Con Marina Foïs, Olivier Gourmet, Laurent Lucas, Philippe Uchan, Jean Benguigui, François Fehner, François Caron, Philippe Dormoy, Jean-Claude Leguay, Armande Boulanger Anno: 2019 Durata 110 min. Paese: Francia Distribuzione: Movies Inspired

About Valerio Ambrogi

Valerio Ambrogi
Mi chiamo Valerio Ambrogi e sono nato il 02/12/1991 in provincia di Reggio Emilia. Fin dalle scuole elementari ho sempre nutrito una grande ed apparentemente inspiegabile passione per la settima arte. Questa passione è maturata negli anni, passando da quella che era in principio una assidua visione di film alla volontà di “sporcarsi le mani” in prima persona e realizzarne alcuni. Nel 2014 ho deciso infatti, assieme ad altri compagni di Università, di fondare una associazione culturale il cui obiettivo è realizzare lungometraggi e cortometraggi indipendenti. Ad oggi tale associazione vanta un lungometraggio di genere thriller e due cortometraggi di genere horror alla cui lavorazione ho preso parte in veste di produttore e aiuto-regia.

Guarda anche

cursed-recensione-serie-tv-copertina

Cursed – Recensione della serie di Netflix e le differenze rispetto al libro

Cursed: la recensione della serie TV targata Netflix con annessa analisi delle differenze rispetto al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.