Home / TV / Serie TV / Star Trek: Picard – Una serie tra spettacolo e riflessione ora su Prime Video – Recensione dei primi episodi

Star Trek: Picard – Una serie tra spettacolo e riflessione ora su Prime Video – Recensione dei primi episodi

Ora su Amazon Prime Video l’ottavo capitolo seriale del noto franchise Star Trek, che ha come protagonista il valoroso personaggio di Jean-Luc Picard. La serie sarà disponibile con la pubblicazione a cadenza settimanale di un episodio ogni Venerdì a partire dal 24 Gennaio. Noi abbiamo visto i primi due episodi in anteprima.

XXIV secolo, vent’anni dopo gli eventi di Star Trek- La nemesi:  Il capitano Jean Luc-Picard (Patrick Stewart), devastato per la morte del caro amico Data e per la distruzione dell’Impero dei Romulani, si è da tempo ritirato a vita privata. Stanco e deluso dalla politica della Federazione, ha preferito alle avventure intergalattiche la gestione del suo vigneto. Ma l’incontro con una misteriosa ragazza di nome Dahj lo spinge a cercare di intraprendere una nuova missione.

star-trek-picard-recensione-serie-01

Cosa funziona in Star Trek: Picard

Star Trek: Picard ripropone alcuni dei più amati protagonisti del franchise Star Trek, primi fra tutti Jean Luc-Picard e Data, interpretati rispettivamente dai veterani della serie Patrick Stewart e Jonathan Frakes, accostandoli a nuovi personaggi ugualmente intriganti come quello di Dahj, una ragazza forte e determinata dalla cui stessa esistenza dipende la pace intergalattica. 

Non mancano ovviamente effetti speciali ben realizzati e, come sempre nei prodotti del franchise Star Trek, vi è una grande attenzione alle scenografie e ai costumi. 

Ma Star Treck:Picard non è solo belle immagini: la serie, mostrando un Jean-Luc rancoroso nei confronti della Federazione per l’estinzione dei Romulani, spinge a riflettere sull’assurdità della guerra.

star-trek-picard-recensione-serie-02

Perché non guardare Star Trek: Picard

Nonostante i personaggi siano tutti intriganti, i legami tra di essi si rivelano poco approfonditi. Anche in questo nuovo capitolo seriale di Star Trek i sentimenti restano solo sullo sfondo. 

Star Trek: Picard si conferma comunque un prodotto ben confezionato che sarà sicuramente apprezzato da tutti i fan del noto franchise. 

About Cristina Ceccarelli

Avatar

Guarda anche

Brittany Non si ferma più- Il film di Colaizzo ricorda al pubblico che nessun traguardo è irraggiungibile.

Il drammaturgo Paul Downs Colaizzo fa il suo debutto alla regia con Brittany Non si ferma …

2 commenti

  1. Avatar

    Io non dico tanto, ma magari informarsi… perché poi da ciò si fanno delle recensioni, altrimenti meglio non farle, perché sennò si da la sensazione che stavate dormendo mentre guardavate gli episodi “ mostrando un Jean-Luc rancoroso nei confronti della Federazione per l’antica decisione di distruggere il pianeta dei Romulani”. Il pianeta dei Romulani non viene distrutto dalla Federazione, ma da una calamità naturale, Picard é arrabbiati perché a causa di un’altro evento, ovvero l’attacco dei “sintetici” ai cantieri navali su Marte (che costruivano navi per aiutare l’evaquazione e dei Romulani), la Federazione decide di non aiutare più i Romulani. Vedo che avete capito proprio bene, mah!

    • Davide Belardo

      Ciao,
      grazie per la precisazione anche se in realtà la nostra Cristina ha solo sintetizzato troppo il suo pensiero sulla quasi estinzione dei Romulani senza approfondire e sbagliando il verbo. Il senso del discorso tuttavia resta il medesimo Jean-Luc rancoroso perché la Federazione ha partecipato attivamente alla loro quasi estinzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.