Home / RECENSIONI / Commedia / Si muore solo da vivi – Quando la ricerca del senso della vita si sposa con l’ironia – Recensione

Si muore solo da vivi – Quando la ricerca del senso della vita si sposa con l’ironia – Recensione

Si muore solo da vivi: Un cast di livello, Alessandro Roja, Alessandra Mastronardi, Amanda Lear, Red Canzian, Neri Marcorè e Francesco Pannofino, accompagna Alberto Rizzi al suo esordio cinematografico narrando efficacemente le peculiarità di un territorio che pur negli aspetti più tragici della vita mantiene la sua innata ironia.

Orlando (Alessandro Roja) è un musicista spiantato la cui vita si è fermata anni prima quando un terremoto gli ha portato via il Fratello e la cognata. Da quel momento in poi Orlando è entrato in una sorta di limbo dal quale non riesce ad uscire, ha sciolto la band nella quale suonava, perde tutti i lavori che intraprende e non riesce a prendersi alcuna responsabilità non riuscendo a trovare più il senso della sua vita. L’incontro con il suo amore di gioventù e una visione mistica notturna spingeranno Orlando verso ciò che lo spaventa di più, vivere la sua vita.

si-muore-solo-da-vivi-recensione-02

Cosa funziona in Si muore solo da vivi

La tragicità di una ferita così profonda nella terra emiliana è ben rappresentata nella leggerezza di questa pellicola che mantiene un registro piacevole nella cornice di provincia pur facendo riferimento ad un momento tanto difficile per questa terra.

si-muore-solo-da-vivi-recensione-03

Si gioca con le tipicità e le idiosincrasie di questo spaccato territoriale per descrivere lo squarcio emotivo di molti che dopo un trauma collettivo di questo tipo devono scegliere attivamente di tornare alla vita elaborando finalmente un trauma che permane ancora in molti.

si-muore-solo-da-vivi-recensione-01

Perché non guardare Si muore solo da vivi

Se da un lato la pellicola di Alberti Rizzi è caratterizzata da una piacevole leggerezza, data anche dalle curatissime ambientazioni, d’altro canto la narrazione non carbura mai veramente mantenendo un ritmo a volte troppo compassato per il pubblico cinematografico contemporaneo complessivamente piuttosto smaliziato.

L’uscita diretta sulle piattaforme digitali a causa della emergenza sanitaria dovuta al COVID-19 darà probabilmente maggiori occasioni di visone ad una pellicola più adatta alla prima serata Rai, forse anche per la presenza di Alessandra Mastronardi, che alle sale cinematografiche.

Si muore solo da vivi è disponibile a noleggio dal 19 Giugno sulle maggiori piattaforme digitali come CG Digital, Infinity e Chili.

Regia: Alberto Rizzi. Con: Alessandro Roja, Alessandra Mastronardi, Neri Marcorè, Francesco Pannofino, Ugo Pagliai, Amanda Lear Anno: 2020 Durata: 95 min. Paese: Italia Distribuzione: Fandango

About Eleonora Freso

Eleonora Freso

Guarda anche

gamberetti-per-tutti-recensione-film-copertina

Gamberetti per tutti – Pallanuoto e paillettes nella commedia di Cédric LeGallo e Maxime Govare – Recensione

Gamberetti per tutti: Una nuova commedia francese sull’inclusione e la ricchezza della diversità. Un perfetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.