Home / CINEMA / Racconti di Cinema – Debito di sangue di e con Clint Eastwood e Jeff Daniels
racconti-cinema-debito-sangue-clint-eastwood-poster

Racconti di Cinema – Debito di sangue di e con Clint Eastwood e Jeff Daniels

Ebbene, oggi vi parliamo di Debito di sangue (Blood Work) di e con Clint Eastwood. Regista e attore magnifico da noi spesso già giustamente glorificato.

Siamo infatti recentemente reduci, folgorati, dal suo ultimo, ennesimo, grande film monumentale, ovvero Richard Jewell.

Film purtroppo, a eccezione fatta della candidatura a Kathy Bates, totalmente ignorato alla scorsa edizione degli Oscar. Malgrado, difatti, le ottime critiche ricevute, Richard Jewell fu apertamente escluso e ignorato dai premi più importanti della scorsa stagione poiché, erroneamente, etichettato come cosiddetto film minore all’interno della ricchissima, inesauribile filmografia di Eastwood.

Inoltre, non reputato all’altezza dei suoi massimi capolavori come Gli spietati o Gran Torino.

Ecco, la domanda che vi porrei è questa: voi credete davvero che, nello strepitoso e coerentissimo excursus cineastico di Eastwood, possano esistere pellicole definibili minori?

No, non esistono. Tutt’al più, esistono film suoi che non toccano vertici di perfezione stilistica e di potenza emotiva, drammaturgica e/o narrativa pari, per esempio, a quelli appena sopra menzionativi ma nessuna opera di Eastwood è irrilevante e non si può, per nessuna ragione al mondo, sminuirla o catalogarla con superficialità riduttiva e schematica entro un archivio e un compartimento stagno, cioè non possiamo permetterci di trascurarla o snobbarla, dunque nemmeno la si può  giudicare e classificarla come meno importante rispetto ad altre.

Debito di sangue non è quindi, alla stessa maniera di Richard Jewell, nient’affatto un film minore, anzi, tutt’altro.

Tratto dall’omonimo romanzo di Michael Connelly, sceneggiato da Brian Helgeland, già lodato writer al servizio di Eastwood per lo splendido, osannato Mystic River, Debito di sangue dura un’ora e cinquanta minuti circa e uscì da noi, distribuito dalla Warner Bros, il 22 Novembre del 2002 dopo che fu velocemente presentato, nella sezione Fuori Concorso, al Festival di Venezia.

Trama:

il detective profiler oramai in pensione, Terry McCaleb (un Eastwood in versione Callaghan un po’ attempata), subisce un infarto dopo aver vanamente inseguito un uomo pericolosamente aggiratosi vicino ai luoghi di un macabro assassinio.

L’uomo, col volto mascherato, fugge però sveltamente e impunemente nella notte lugubre del più torbido mistero e da McCaleb non è purtroppo, sciaguratamente, né identificato né acciuffato.

A McCaleb viene trapiantato il cuore di una donna. Per l’esattezza della sorella (Wanda De Jesus nei panni di Graciella Rivers) di una donna messicana trucidata a sangue freddo durante una rapina avvenuta in un minimarket.

Ecco dunque il significato del metaforico titolo italiano. Il debito di sangue è quello che McCaleb sente a livello ventricolare, metafisico e corporale, di dover estinguere e asciugare in cuor suo per fermare la ferita dissanguante di un’anima altrui oramai spenta nella morte cardiaca d’un battito vitale bruciato e tragicamente asperso nel dolore d’una perdita incolmabile.

Cosicché, McCaleb ritorna a indagare, nel suo tempo libero, su un serial killer che da tempo immemorabile lo sta ossessionando ma che mai è riuscito a consegnare alla giustizia.

Fotografia vintage di Tom Stern, un incipit mozzafiato e sensazionale, un film bellissimo, una storia di detection particolare e unica sorretta dal carisma, recitativo e non, di un Eastwood grandioso e per cui ogni interprete, fra cui spiccano le presenze di Anjelica Huston e soprattutto di Jeff Daniels, contribuisce a rendere preziosa.

Una cupa e al contempo romanticamente dolcissima, struggente e tenebrosa, irresistibile vicenda di sotterfugi e notturne indagini, inebriata e permeata da un robusto sapore attoriale buono come il vino stagionato.

Debito di sangue è un’imperdibile, cinematografica, suadente amalgama d’annata.

About Stefano Falotico

Stefano Falotico
Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

racconti-di-cinema-schegge-di-paura-copertina

Racconti di Cinema – Schegge di paura di Gregory Hoblit con Richard Gere e Edward Norton

Oggi, recensiamo una piccola perla degli anni novanta, un film certamente non eccezionale ma comunque …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.