Home / RECENSIONI / Drammatico / Nomadland – Il leone d’oro di Venezia 77 ruggisce al femminile, consacrando Chloè Zhao tra le future registe di maggior rilievo – Recensione

Nomadland – Il leone d’oro di Venezia 77 ruggisce al femminile, consacrando Chloè Zhao tra le future registe di maggior rilievo – Recensione

Nomadland: Si prenota agli Oscar 2021 questo piccolo gioiello indipendente interpretato in modo magistrale e prodotto da Frances McDormand. Un inno alla vita e alla capacità di guardare avanti anche quando non si ha più nulla. Sbarcato a Lido di Venezia come l’ultimo dei film in concorso (last but not the least), un film che ha sedotto e commosso sia il pubblico che la giuria presieduta da Cate Blanchett.

Nomadland racconta le vicende di Fern (Frances McDormand), che dopo la morte del marito e lo spopolamento, a causa della grande recessione, della città nella quale lavorava e viveva da tanti anni, decide di intraprendere un viaggio in solitaria a bordo del suo van, l’unico tetto che gli resta (Fern stessa dice di essere una “senza casa” e non una “senza tetto”).

nomadland-recensione-film-04

In questo viaggio conoscerà persone nella sua stessa situazione economica, povere ma felici, anche se è di fatto una donna sempre sola, che rifiuta di approfondire le relazioni con gli altri e sembra voler approfondire solo la cura con la quale tratta il suo van, la sua casa.

Fern è l’esempio di una America che non molla, che va oltre i suoi traumi e i suoi drammi, e Nomadland è un film dedicato alla stessa protagonista, che è il fulcro di tutte le vicende che gli accadono intorno. Realistico, commovente, semplice ed emozionante. Da vedere.

nomadland-recensione-film-01

Cosa funziona in Nomadland

La McDormand ruba la scena e si prende tutta la responsabilità del buon risultato finale sulle spalle. Il personaggio di Fern ci guida e ci coinvolge: noi siamo tutti Fern per 108 minuti, e questa è la chiave vincente di un film che non è di certo perfetto, non è sicuramente un capolavoro, ma è un film che riesce a scaldarti il cuore.

Commuove facilmente, facendo leva sui punti chiave che strapperebbero una lacrima a chiunque. Tuttavia possiamo perdonare alla Zhao questa tecnica, poiché a volte non bisogna pensare troppo ma solamente lasciarsi catturare dalle sensazioni.

nomadland-recensione-film-03

Nomadland per l’appunto ci cattura e ci trascina in un viaggio dove la musica di Ludovico Einaudi è il secondo grande punto di forza del film. Risulta molto difficile immaginare come, dopo un film così intimo e indipendente, il prossimo lavoro di Chloé Zhao sarà “The Eternals” targato Marvel. Anche in Nomadland troviamo una citazione di questo aspetto, quando Fern passa davanti a un cinema e vediamo i poster del film “Avengers”. Tutto perdonabile.

nomadland-recensione-film-02

Perché non guardare Nomadland

Sicuramente il film della Zhao non introduce nulla di nuovo sulla scena cinematografica attuale.

Poteva essere un film più coraggioso, trattando un tema come la grande recessione in modo più moderno e intrigante, invece sceglie di prendere una via intima e personale, raccontando le vicende della protagonista quasi come se fosse una soggettiva.

E così la regista si lascia andare a piani sequenza, riprese di albe, tramonti e paesaggi americani, che non possono non piacere e ci fanno quasi sentire in colpa nell’andare a trovare i punti deboli.

Non avendo personalmente visto gli altri film in concorso a Venezia 77, posso solamente affermare che probabilmente la giuria ha scelto Nomadland anche perché unico film hollywoodiano in competizione quest’anno, sperando di lasciare il segno e far andare la gente al cinema in un momento dove abbiamo bisogno di film come di aria da respirare.

Il film è stato presentato l’11 settembre 2020 alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e verrà distribuito nelle sale cinematografiche il prossimo dicembre con Disney.

Regia: Chloé Zhao Con: Linda May, Frances McDormand, David Strathairn, Charlene Swankie Anno: 2020 Durata: 108 min. Paese: USA Distribuzione: Walt Disney.

About Valerio Ambrogi

Valerio Ambrogi
Mi chiamo Valerio Ambrogi e sono nato il 02/12/1991 in provincia di Reggio Emilia. Fin dalle scuole elementari ho sempre nutrito una grande ed apparentemente inspiegabile passione per la settima arte. Questa passione è maturata negli anni, passando da quella che era in principio una assidua visione di film alla volontà di “sporcarsi le mani” in prima persona e realizzarne alcuni. Nel 2014 ho deciso infatti, assieme ad altri compagni di Università, di fondare una associazione culturale il cui obiettivo è realizzare lungometraggi e cortometraggi indipendenti. Ad oggi tale associazione vanta un lungometraggio di genere thriller e due cortometraggi di genere horror alla cui lavorazione ho preso parte in veste di produttore e aiuto-regia.

Guarda anche

resistance-la-voce-del-silenzio-recensione-bluray-copertina

Resistance – La Voce del Silenzio – Recensione del Bluray del Film

Resistance – La Voce del Silenzio: Dopo l’uscita a noleggio sulle piattaforme digitali è ora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.