Home / RECENSIONI / Biografico / Honey Boy – Shia LaBeouf esorcizza i suoi demoni attraverso la scrittura – Recensione

Honey Boy – Shia LaBeouf esorcizza i suoi demoni attraverso la scrittura – Recensione

Honey Boy: Shia LaBeouf rende universale il suo dramma autobiografico dando vita ad una storia sincera e graffiante. 

Otis (Lucas Hedges / Noah Jupe)è un giovane attore devastato dall’alcol e dai ricordi. Dopo l’ennesima lite con la polizia, per un incidente in stato di ebbrezza, viene mandato in un centro di riabilitazione. È la sua ultima occasione per recuperare, altrimenti finirà in prigione. In clinica, Otis sarà costretto a fare i conti con i demoni del passato, in particolare con la figura del padre (James interpretato da Shia LaBeouf), l’uomo che lo ha privato dell’infanzia.

honey-boy-recensione-film-03

Cosa funziona in Honey Boy

Il prezzo da pagare per diventare giovanissime star hollywoodiane è alto, ce lo ha insegnato l’esperienza di Judy Garland (protagonista del recente Judy), e lo è ancora di più se tuo padre è disposto realmente a tutto per farti raggiungere la vetta. Shia LaBeouf questo lo sa bene ed ha voluto esorcizzare il demone del padre attraverso la scrittura di Honey Boy, film con cui è riuscito a rendere universale il suo dramma autobiografico e a dare vita ad una storia sincera e graffiante.

honey-boy-recensione-film-01

La scrittura di Honey Boy doveva essere per LaBeouf parte del suo programma di recupero ed è interessante, in tal senso, la sua scelta di interpretare il ruolo del padre come se, per capirne le ragioni, avesse dovuto indossare i panni dell’uomo che gli aveva rubato l’infanzia. Operazione riuscita in quanto il personaggio di James non appare mai semplicemente come un cattivo perché LaBeouf riesce a far trasparire tutta la sua umanità e la sua profonda sofferenza.

Anche il giovanissimo Noah Jupe, di soli quindici anni, che interpreta Otis bambino, offre al pubblico una performance intensa e convincente che ben si coniuga con il tono struggente del film.

honey-boy-recensione-film-02

Perché non guardare Honey Boy

Honey Boy è un film impreciso, a tratti nebuloso che non permette mai la completa immedesimazione con il protagonista ma sono proprio queste imperfezioni il punto di forza del film perché rivelano la  difficoltà di raccontarsi, la passione disperata e l’accoramento di LaBeouf.

Honey Boy è stato presentato in anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma 2019.

Regia: Alma Har’el Con: Shia LaBeouf, Lucas Hedges, Noah Jupe, Byron Bowers, Laura San Giacomo, FKA Twigs, Natasha Lyonne, Maika Monroe, Clifton Collins Jr., Mario Ponce Anno: 2019 Durata: 94 min. Paese: USA Distribuzione: Adler Entertainment

About Cristina Ceccarelli

Avatar

Guarda anche

giri-haji-recensione-serie-copertina

Giri / Haji – Dovere / Vergogna – La serie che tutti devono vedere ma che quasi nessuno ha ancora visto – Recensione

Giri / Haji – Dovere / Vergogna: Disponibile in esclusiva sul catalogo Netflix dal 10 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.