Home / VIDEOGIOCHI / Bookbound Brigade – Quando il metroidvania parla italiano – Recensione

Bookbound Brigade – Quando il metroidvania parla italiano – Recensione

Bookbound Brigade: Il team italiano Digital Tales, di stanza a Milano ma con sedi anche a Roma e Miami, mette da parte la sua famosa esperienza di giochi di corse per immergerci in un platform 2D a scorrimento colorato e divertente che ci pone al centro del mito della letteratura. Disponibile per Nintendo Switch, PlayStation 4 e PC! Abbiamo provato il titolo per la console della grande N, scopri perché ci ha letteralmente conquistato.

La trama

Il Tomo dei Libri è stato rubato e le sue pagine strappate. Il suo fondamentale potere è quello di fare da collante dell’intero universo letterario e ora, senza di esso, ogni parola scritta rischia di essere smarrita per sempre. Il nostro compito sarà quello di guidare l’agguerritissima Brigata Rilegata, composta da 8 dei più grandi protagonisti della letteratura, nel recupero delle pagine e nel ripristino del prezioso Tomo prima che tutto svanisca nel nulla più totale…

bookbound-brigade-recensione-game-03

Perché giocare Bookbound Brigade

Tra le produzioni indie, il genere dei metroidvania è sicuramente uno di quelli più utilizzato, e abusato, e non è certamente facile conquistare le scene della ribalta considerata la folta concorrenza. L’ultima fatica del team di sviluppo dei Digital Tales stupisce in primo luogo con una levatura tecnica di primo livello, composta da una grafica cartoon completamente disegnata a mano, tanto nelle animazioni quanto negli sfondi. Guidati dal narratone saremo immersi in un mondo fantastico al comando di una truppa di otto impavidi eroi tratti dal mondo della letteratura. Dal Conte Dracula a Robin Hood passando per Re Artù, Nikola Tesla fino alla Regina Vittoria. Ogni personaggio ha il suo potere e la sua caratteristica speciale per superare gli ostacoli presenti nel mondo di gioco.

Il gameplay di Bookbound Brigade è pressoché immediato, ci muoviamo su dei livelli bidimensionali, in cui superare le avversità a capo di un gruppo di 8 personaggi. Durante la nostra avventura è possibile collezionare oggetti e monete che ci permetteranno di espandere le abilità dei protagonisti e chiesto di superare avversari ed enigmi. Ovviamente tutto il mondo di Bookbound Brigade è intriso di personaggi tratti dalla letteratura mondiale e ogni incontro sarà motivo di stupore e meraviglia. Mitico lo scontro con il Lupo Cattivo di Cappuccetto Rosso.

Lavoro di graphic design e personalizzazione elevatissimo che ritroviamo anche nella cura del reparto audio, sia per quanto riguarda la colonna sonora ma anche per quanto concerne le voci e gli effetti. Lodevole infine l’impianto ironico donato all’intera produzione. La buona longevità del titolo è garantita dalla vastità della sua mappa e alla buona quantità di passaggi segreti da scoprire una volta acquisite le nuove abilità. Per completare il tutto vi sarà richiesto un tempo che varia dalle 15 alle 25 ore di gioco per il completamento totale dell’opera.

bookbound-brigade-recensione-game-02

Perché non giocare Bookbound Brigade

Non abbiamo riscontrato evidenti difetti con il titolo di Digital Tales. L’unica vera controindicazione è riposta nel vostro interesse nei confronti del gioco. La conversione su Nintendo Switch si dimostra godibile e molto ben ottimizzata. Qualche incertezza nei caricamenti, più lunghi del previsto in alcune sessioni, ma nulla da inficiare la giocabilità del titolo. Un gioco che su Nintendo Switch, e la sua mobilità, trova la dimensione migliore anche se alcuni piccoli particolari di Bookbound Brigade possono sfuggire per via delle ridotte dimensioni dello schermo. Potete sempre switchare sulla TV!

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

caterina-recensione-film-copertina

Caterina – Un Viaggio musicale nell’Italia di ieri – Recensione

Caterina: Il bel documentario di Francesco Corsi rappresenta alle nuove generazioni la figura iconica di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.