Home / RECENSIONI / Azione / Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn – Torna al cinema la conturbante e dissacrante antieroina DC Comics che ha conquistato il cuore dei fan – Recensione

Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn – Torna al cinema la conturbante e dissacrante antieroina DC Comics che ha conquistato il cuore dei fan – Recensione

Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn: Dopo il successo ottenuto con la sua partecipazione al fin troppo criticato Suicide Squad, la splendida Margot Robbie torna nei panni della sua Harley Quinn alla testa di un nuovo team di atipiche e bizzarre eroine. Un film che nonostante le bislacche premesse, e gli evidenti limiti, è godibile e divertente.

Dopo le vicende di Suicide Squad, Gotham City è ormai in preda al controllo dei criminali organizzati. Batman sembra definitivamente scomparso mentre il Joker non ha più interesse per le sue scorribande in città in compagnia della sua amata Harley Quinn (Margot Robbie) che ha lasciato definitivamente. 

birds-of-prey-recensione-film-02

Rimasta senza protezione, Harley, viene letteralmente presa di mira da tutti i criminali della città ansiosi finalmente di vendicare le birichinate subite in passato. Per salvare la sua pelle, Harley, stringe un patto con il signore del crimine di GothamMaschera Nera (Ewan McGregor), per recuperare un prezioso diamante rubato da una giovanissima borseggiatrice, Cassandra Cain (Ella Jay Basco). Sarà l’inizio di una nuova e bizzarra avventura.

birds-of-prey-recensione-film-06

Cosa funziona in Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

A distanza di 4 anni dal successo commerciale di Suicide Squad, oltre 750 milioni di dollari incassati contro i 175 investiti per la realizzazione, Warner Bros. e DC Comics hanno intelligentemente deciso di riportare in sala il personaggio che più di tutti ha conquistato il pubblico accorso nelle sale. L’idea di realizzare uno spin-off con protagonista la spalla del Joker è apparsa per molti aspetti azzeccata ma anche concettualmente molto rischiosa. La sinossi e i primi trailer promozionali oggettivamente non promettevano nulla di buono, il film ci è sembrato da subito solo un ammasso di situazioni e personaggi mescolati tra loro, e indubbiamente è così, ma il tutto si è rivelato invece utile e azzeccato all’evolversi delle situazioni e dell’intrattenimento.

birds-of-prey-recensione-film-01

L’esordiente Cathy Yan, alla sua prima regia cinematografica, è abile nel dirigere un cast di protagoniste prettamente femminile che bullizzano i personaggi maschili del film. La storia è raccontata in modo contorto dalla stessa Harley, con un montaggio circolare ricco di flashback e disteso tra forward e rewind,  protagonista indiscussa di un film cucito addosso alle sue evoluzioni psicologiche e acrobatiche. Un prodotto ricco di momenti ironici, bislacchi e impossibili, figli di una personalità mattissima, imprevedibile e volubile come è la sua protagonista.

birds-of-prey-recensione-film-05

Una struttura narrativa e organica che ricorda l’amato Deadpool di Ryan Reynolds con il quale condivide, con le giuste differenze e in quantità minore, molti punti di contatto come: un sensibile abbattimento della quarta parete, il sangue, le volgarità e l’ironia dissacrante. La trama è leggera e poco articolata, ma è comunque funzionale all’intrattenimento e utile per mettere in scena un divertente e adrenalinico spettacolo di coreografie acrobatiche, lustrini e paillette. Convincente il resto del cast in cui spicca la bellezza di Jurnee Smollett-Bell nei panni di Black Canary, ma non possiamo non citare anche le restanti protagoniste femminili Mary Elizabeth WinsteadRosie PerezElla Jay Basco  e i cattivoni Ewan McGregor e Chris Messina. Colonna sonora trascinante e martellante.

birds-of-prey-recensione-film-04

Perché non guardare Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

Il nuovo film con protagonista indiscussa la folle e magnetica Harley Quinn è un evidente carrozzone di evoluzioni acrobatiche in cui la trama, semplicissima, è il collante per 1 ora e 49 minuti di divertimento e cazzeggio. Un film che ingenuamente può essere definito femminile e femminista ma che invece è solo uno spettacolo di colori e colonna sonora pompata.

birds-of-prey-recensione-film-04

L’evidente similitudine con il Deadpool della Marvel farà sicuramente storcere il naso ai più bacchettoni, così come la banalità della narrazione. Il nostro consiglio è quello di lasciarsi trasportare dall’intrattenimento e divertimento senza aspettarsi il nuovo Joker al femminile. Tenere basse le aspettative Vi aiuterà nel trovare in Birds of Prey, la giusta pazzia per godervi lo spettacolo e non lamentarvi con il prossimo di quello che avreste voluto e fatto al posto del team creativo. 

Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn è al cinema dal 6 febbraio con Warner Bros. Italia.

Regia: Cathy Yan Con: Margot Robbie, Mary Elizabeth Winstead, Jurnee Smollett-Bell, Rosie Perez, Chris Messina, Ella Jay Basco, Ali Wong, Ewan McGregor, Matthew Willig, Charlene Amoia, Derek Wilson Anno: 2020 Durata: 109 min. Paese: USA Distribuzione: Warner Bros Italia 

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

una-intima-convinzione-recensione-film-copertina

Una Intima Convinzione – Un ottimo esordio alla regia per Antoine Raimbault – Recensione

Una Intima Convinzione: Dramma giudiziario francese diretto e senza troppi giri di parole che fa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.