Home / RECENSIONI / Drammatico / Bar Giuseppe – Una storia d’amore che supera le differenze di età e di razza – Recensione

Bar Giuseppe – Una storia d’amore che supera le differenze di età e di razza – Recensione

Bar Giuseppe: Giulio Base parte da una storia antica, quella della famiglia di Nazareth, per far riflettere sull’ attualissima problematica dei pregiudizi nei confronti degli immigrati.

Giuseppe, dopo la morte della moglie, si trova a gestire da solo un piccolo bar in una stazione di servizio della provincia pugliese. Per far fronte alla mole di lavoro, decide di prendere un aiuto e, tra i tanti candidati, sceglie Bikira, una ragazza rifugiata di origini africane. Tra i due nascerà un profondo sentimento che sarà fortemente osteggiato sia dai figli di lui che dall’ intera comunità. 

bar-giuseppe-recensione-film-01

Cosa funziona in Bar Giuseppe

Giulio Base parte da una storia antica, quella della famiglia di Nazareth, per far riflettere su una tematica calda e attualissima: i pregiudizi nei confronti degli immigrati. Il protagonista del film si chiama Giuseppe e fa lavori di falegnameria, la donna di cui si innamora e si chiama Bikira che in swahili significa vergine. Interessante la costruzione dei due protagonisti, uguali e opposti allo stesso tempo: lui timido e taciturno, lei intraprendente e solare ma entrambi d’animo puro. 

Intriganti si rivelano molte scelte di Base come quella di rendere quasi muto il personaggio di Giuseppe, interpretato da un bravissimo Ivano Marescotti, o quella di riprendere in campo lungo i momenti salienti, come nella scena che racconta la morte della moglie del protagonista. Sono chiari nel film diversi riferimenti alla pittura di Hopper sia nella fotografia che nella scelta delle location a partire della stazione di servizio che ricorda il dipinto “Gas”. 

bar-giuseppe-recensione-film-02

Perché non guardare Bar Giuseppe

Il film di Giulio Base è costellato di brillanti intuizioni non sempre ben calibrate: l’eccessivo simbolismo toglie incisività alla narrazione così come i reiterati movimenti di macchina finiscono per rendere difficile l’immedesimazione con i personaggi, anche nei momenti più toccanti. 

Bar Giuseppe, dunque, nonostante gli intriganti presupposti si rivela un film non del tutto riuscito, a cui però va il merito di raccontare con grande sensibilità un sentimento d’amore che supera le differenze d’età e di razza.

Bar Giuseppe dopo la presentazione alla Festa del Cinema di Roma 2019 è ore disponibile sulla piattaforma digitale di RaiPlay. 

Regia: Giulio Base Con: Ivano Marescotti, Virginia Diop, Nicola Nocella, Selene Caramazza, Michele Morrone, Vito Mancini Anno: 2020 Durata: 95 min. Paese: Italia Distribuzione: RaiPlay

About Cristina Ceccarelli

Avatar

Guarda anche

si-muore-solo-da-vivi-recensione-copertina

Si muore solo da vivi – Quando la ricerca del senso della vita si sposa con l’ironia – Recensione

Si muore solo da vivi: Un cast di livello, Alessandro Roja, Alessandra Mastronardi, Amanda Lear, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.