Home / RECENSIONI / Azione / Zombieland – Doppio colpo – Gli ammazza non-morti tornano in sala più vecchi ma ancora tosti

Zombieland – Doppio colpo – Gli ammazza non-morti tornano in sala più vecchi ma ancora tosti

Zombieland – Doppio colpo: Dopo il flop di VenomRuben Fleischer, torna al passato con il seguito del suo fortunato esordio alla regia. Sono passati dieci anni dal precedente Benvenuti a Zombieland ma la banda non ha ancora smesso di combattere per la propria sopravvivenza.

A distanza di dieci anni dagli eventi narrati in Benvenuti a Zombieland, Columbus (Jesse Eisenberg), Tallahassee (Woody Harrelson), Wichita ( Emma Stone) e Little Rock (Abigail Breslin), hanno trovato finalmente una “base operativa” in cui vivere e formare una famiglia all’interno della “Casa Bianca”. Tutto sembra andare per il meglio fino a quando Columbus chiede a Wichita di sposarlo. La ragazza sconvolta decide di abbandonare il gruppo in compagnia di Little Rock, che a sua volta come ogni adolescente che si rispetti culla il desiderio di trovare l’amore.

Lungo il loro viaggio fanno la conoscenza di Berkeley (Avan Jogia), un ragazzo pacifista che convince Little Rock a fuggire con lui per recarsi a Babylon, un accampamento di sopravvissuti in cui non è permesso utilizzare le armi e la violenza. Columbus, Tallahassee e Wichita si mettono così in viaggio alla ricerca della loro piccola amica. Non sarà un’impresa facile perché nel frattempo gli zombie si sono evoluti e oltre gli Homer (senza cervello), Hawking (intelligenti) e Ninja (assassini letali e silenziosi) scopriranno che esiste una nuova e quasi indistruttibile categoria, i T-800, ribattezzati così in onore del celebre personaggio interpretato da Arnold Schwarzenegger nella saga di Terminator.

zombieland-doppio-colpo-recensione-film-01-min

Cosa funziona in Zombieland – Doppio colpo

Dopo il successo di critica e pubblico ottenuti con il primo divertente capitolo, il possibile seguito sembrava essere solo una pura formalità in attesa della sua ufficializzazione. Ci sono voluti invece circa 10 anni per permettere alla banda di ritrovarsi liberi dagli impegni presi con altre produzioni. Li ritroviamo oggi cresciuti e maturi, nella vita come nella carriera artistica, in un prodotto che mantiene quanto di buono fatto con il suo predecessore (ironia, sangue, colpi di scena e pallottole) con l’intento però di allargare gli orizzonti sulla vita all’interno di Zombieland, tanto nell’evoluzione psicologica dei protagonisti quanto in quella degli zombie, aggiungendo anche nuovi personaggi e situazioni. Il risultato generale è sicuramente appagante e intrattiene alla grande ma non è tuttavia essente da difetti. Non lasciate la sala troppo presto, vi consigliamo di aspettare la scena post credit!

zombieland-doppio-colpo-recensione-film-03-min

Perché non guardare Zombieland – Doppio colpo

La nuova fatica di Ruben Fleischer si accontenta di giocare in casa, proponendo più o meno le stesse situazioni del capitolo precedente e, trovate e citazioni divertenti a parte, non gode di grandi picchi di originalità. Un peccato perché durante la visione l’intrattenimento è garantito. Non sarebbe stato male dedicare più spazio all’evoluzione dei non morti. 

Zombieland – Doppio colpo è al cinema dal 14 novembre con Warner Bros. Italia

Regia: Ruben Fleischer Con: Woody Harrelson, Jesse Eisenberg, Abigail Breslin, Emma Stone, Zoey Deutch, Bill Murray, Rosario Dawson, Avan Jogia, Dan Aykroyd, Ian Gregg Anno: 2019 Durata 99 min. Paese: USA Distribuzione: Warner Bros Italia

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

un-sogno-per-papa-recensione-film-copertina

Un sogno per papà – Una piccola favola che vi divertirà

Un sogno per papà: Julien Rappeneau dà vita ad un film convenzionale ma piacevole che, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.