Home / RECENSIONI / L’Uomo del Labirinto – Nella Tana del Bianconiglio

L’Uomo del Labirinto – Nella Tana del Bianconiglio

Donato Carrisi torna dietro la macchina da presa trasformando in immagini l’ennesimo suo romanzo giallo. La recensione de L’uomo del Labirinto

Samantha è una ragazzina di 13 anni che una mattina, mentre si reca a scuola, si avvicina ad un furgone bianco e ne viene “risucchiata” all’interno, sparendo per ben 15 anni, nonostante le continue ricerche della polizia e della famiglia che, a un certo punto, decide di affidarsi a Bruno Genko (un Toni Servillo sempre in stato di grazia), scalcinato investigato privato che si occupa di recupero crediti e assicurazioni ma che per la prima volta si trova costretto ad accettare un caso di rapimento.

uomo-del-labirinto-recensione-film-03

Quando l’ormai adulta Samantha, con volto e fattezze della splendida Valentina Bellè, riesce a fuggire dal suo aguzzino e viene ricoverata nell’ospedale Santa Caterina, tocca al dottor Green, interpretato da un sempre splendido Dustin Hoffman, scavare nella mente della donna, in preda a visioni e strani ricordi causati da anni di abusi e di droghe psicotiche, usando tutta la sua esperienza di abile psicologo per provare a rispondere alla domanda di Samantha: “Questo è un gioco?”.

uomo-del-labirinto-recensione-film-01

Cosa funziona ne L’Uomo del Labirinto

Donato Carrisi, prima che regista, è abile scrittore e soprattutto sceneggiatore, e queste sue qualità lo hanno portato a imbastire un intricato e coinvolgente thriller dal sapore europeo, più che americano, che mai annoia o distrae, dirigendo un cast di tutto rispetto in cui, oltre ai già citati, si fanno spazio un Vinicio Marchioni in ottima forma e una ammaliante Caterina Shulha. Una buona conferma dopo l’esordio alla regias con La Ragazza nella nebbia.

uomo-del-labirinto-recensione-film-03

Perché non guardare L’Uomo del Labirinto

Poche sono le pecche di questa opera seconda del regista pugliese e fra queste possiamo sicuramente annoverare una recitazione comprimaria a tratti fin troppo teatrale e una certa, seppur minima, ripetitività nella struttura narrativa, rischiando di svelare fin da subito l’identità del rapitore con la testa da coniglio.

L’Uomo del Labirinto è al cinema dal 30 ottobre con Medusa Film.

Regia: Donato Carrisi Con: Toni Servillo, Dustin Hoffman, Valentina Bellè, Vinicio Marchioni, Caterina Shulha, Orlando Cinque, Filippo Dini, Sergio Grossini, Carla Cassola, Luis Gnecco, Stefano Rossi [II], Riccardo Cicogna Anno: 2019 Durata: 130 min. Paese: Italia Distribuzione: Medusa Film

About Tommaso De Virgilio

Avatar
Cresciuto a pane e cinema nella terra delle burrate e del fruttO di mare, poco più che ventenne si fa adottare dalla Città Eterna dove vive e vegeta (soprattutto) senza colpo ferire. Odia la musicadimmerda dei giovani d'oggi, ma anche di quelli di ieri. Motto preferito: Un tarallo è per sempre

Guarda anche

doctor-sleep-recensione-film-copertina

Doctor Sleep – Né King né Kubrick, (solo) un buon blockbuster

Abbassate le aspettative a zero, svincolatevi dalla compromettente necessità di ogni paragone, ma soprattutto state …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.