Home / RECENSIONI / Commedia / L’Uomo che Comprò la Luna – Una commedia surreale dalla Sardegna

L’Uomo che Comprò la Luna – Una commedia surreale dalla Sardegna

L’Uomo che Comprò la Luna è stato, qualche settimana fa, un caso. Uscito solo in Sardegna a inizio aprile, è rimasto primo negli incassi fino ad ora, garantendone l’uscita anche a livello nazionale.

Un uomo ha comprato la luna. I servizi segreti internazionali vengono si allarmano quando questa notizia trapela. I due agenti italiani dell’Agenzia (Stefano Fresi e Francesco Pannofino) indagano e scoprono che il proprietario è un signore che abita in un piccolo paese in Sardegna. Ingaggiano quindi un ragazzo di origine sarda che vive a Milano da molto tempo, rispolverano la sua conoscenza del territorio, usanze e tradizioni grazie all’aiuto di un allevatore che non ha mai dimenticato la sua terra e il ragazzo parte all’avventura. Non tutto andrà come previsto.

Dopo il suo film d’esordio, L’ArbitroPaolo Zucca realizza un film che celebra le sue origini sarde. L’Uomo che Comprò la Luna è infatti un bignami di cultura e tradizione sarda a alcuni tratti caratteriali tipici di questo popolo. Come le regole della morra sarda, il film è un viaggio surreale verso una terra che nasconde un mondo (e in questo caso anche un satellite) che poco ha a che fare con la razionalità. A scrivere insieme a lui la sceneggiatura del film ci sono Barbara Alberti e Geppi Cucciari che aggiungono al film una forte ironia e molte scene comiche.

uomo-che-compro-recensione-film-01

Cosa funziona in L’Uomo che Comprò la Luna

Il film di Paolo Zucca è una commedia, una spy story e una storia d’amore, tutto fatto con uno stile di regia molto particolare, che ricorda a tratti quello di Emir Kusturica, Aki Kaurismaki e anche Samuel Maoz. E’ anche il viaggio di Kevin dentro se stesso, e il riavvicinamento alla sua vera identità, quella di Gavino, nipote di un anarchico. Come i registi di cui si riconoscono i tratti, i personaggi del film di Zucca sono a metà strada tra isola e continente, tra realtà e favola, così come gli improbabili agenti dell’Agenzia Governativa.

uomo-che-compro-recensione-film-02

Perché non guardare L’Uomo che Comprò la Luna

Il film indugia molto sull’allenamento di Kevin/Gavino, usando molti termini in sardo stretto, una lingua quasi incomprensibile senza l’aiuto dei sottotitoli. E’ quindi una sfida per chi non ama i film non doppiati interamente.

L’Uomo che Comprò la Luna è in sala in cinema selezionati dal 2 maggio con Indigo Film

Regia: Paolo Zucca Con: Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannofino, Angela Molina, Lazar Ristovski, Benito Urgu Anno: 2019 Durata: 109 min. Paese: Italia Distribuzione: Indigo Film

About A V

Avatar

Guarda anche

benvenuti-marwen-recensione-bluray-copertina

Benvenuti a Marwen, recensione del Blu-ray disc del film di Robert Zemeckis con Steve Carell

In concomitanza con l’uscita del Bluray da parte di Universal Pictures Home Entertainment Italia, torniamo …

Un commento

  1. Avatar

    Bellissimo film …. in italiano…. poche le scene in lingua sarda e con i sottotitoli si segue benissimo , da non perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.