Home / RECENSIONI / Drammatico / Tutto il mio folle amore – Padre e figlio attraverso i Balcani nel nuovo film di Salvatores

Tutto il mio folle amore – Padre e figlio attraverso i Balcani nel nuovo film di Salvatores

Esce in sala Tutto il mio folle amore, il nuovo film di Gabriele Salvatores: un road movie intimo e pieno di musica

C’è tanto amore in questo film: Vincent (Giulio Pranno) ha sedici anni, e è autistico. Ha una mamma (Valeria Golino) che lo ama e protegge, forse anche troppo e un papà adottivo (Diego Abatantuono) saggio e innamorato di lui e della madre.

Vincent ha momenti di incostanza, con reazioni sopra le righe in situazioni normali, ma è pieno di vita e ha una sola allergia: le regole imposte dalla sua malattia, che lui mal sopporta.

tutto-il-mio-folle-amore-recensione-film-01

Una via di fuga da tutto questo la incarna l’arrivo di suo padre naturale, Willi (Claudio Santamaria), che lui non ha mai visto, perché l’uomo è scappato via non appena ha saputo che la madre era incinta. Inizia quindi un viaggio nei Balcani e la scoperta di tre persone.

Vincent è un altro ragazzo con i superpoteri. Dopo i due episodi de Il ragazzo invisibile, Salvatores attinge alla realtà, e si ispira al libro autobiografico di Fulvio ErvasSe ti abbraccio non aver paura“, per raccontare la storia di una famiglia che affronta una vita particolare, e che grazie ad un ragazzo speciale, scoprirà qualcosa sull’importanza dell’amore, soprattutto per ciò che non segue esattamente le regole.

tutto-il-mio-folle-amore-recensione-film-02

Cosa funziona in Tutto il mio folle amore

Come in molti suoi film, Salvatores trova nel viaggio la modalità di racconto del cambiamento. Il cantante squattrinato Willi che canta i successi di Modugno imbarcandosi in una rotta dei Balcani al contrario, trascina il figlio Vincent in un’avventura che non avrebbe mai fatto e che lo cambierà profondamente.

L’interpretazione dell’esordiente Giulio Pranno dà al suo personaggio Vincent un’anima forte e irresistibile, ricordando molto Gilbert Grape di Leonardo DiCaprio.

tutto-il-mio-folle-amore-recensione-film-02

Perché non guardare Tutto il mio folle amore:

Salvatores con questo film ritorna a raccontare una storia molto più intima rispetto all’ambizione dei suoi ultimi film. Nonostante, come nel caso del secondo episodio de Il ragazzo invisibile, il film sia co-prodotto da una società di effetti visiva, in questo caso la Edi – effetti digitali italiani, le incursioni della CGI, coordinata sempre da Victor Perez, sono centellinate e molto meno evidenti rispetto al precedente film.

Tutto il mio folle amore è stato presentato a Venezia 76 in concorso e esce in sala dal 24 ottobre con 01 Distribution.

Regia: Gabriele Salvatores Con: Valeria Golino, Diego Abatantuono, Claudio Santamaria, Giulio Pranno Anno: 2019 Durata: 97 min. Paese: Italia Distribuzione: 01 Distribution
  

About A V

Avatar

Guarda anche

that-click-recensione-film-recensione

That Click – Il documentario su Douglas Kirkland di Luca Severi

Presentato alla Festa del cinema di Roma il documentario That Click, che ripercorre la vita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.