Home / RECENSIONI / Drammatico / The Rider: un lamento western dolente e malinconico

The Rider: un lamento western dolente e malinconico

Cinema lirico, dilatato, dal passo sofferto, The Rider è un neo western quotidiano pregno di dolore e squarci elegiaci, ma si limita ad essere un canto disilluso, un triste lamento e quasi mai un vero e proprio racconto. Dal 29 Agosto in sala con Wanted Cinema il film della regista Chloé Zhao, che presto dirigerà il nuovo film Marvel “Eternals”, presentato a Toronto, al Sundance e a Cannes, e premiato come Miglior Film 2018 dalla National Society of Film Critics.

Nella riserva di Pine Ridge, nel South Dakota, Brady Blackburn è un giovane cowboy e stella nascente del rodeo che apprende dal suo medico di non poter più cavalcare a seguito di una caduta che gli ha provocato una frattura al cranio quasi fatale. A fianco della sorellina, affetta dalla sindrome di Asperger e in lotta col padre piegato dal lavoro e dalle responsabilità, Brady alleva cavalli cercando nel frattempo una ragione per andare avanti.

the-rider-recensione-film-01

Cosa funziona in The Rider

Il poetico sconforto che prende visivamente corpo in numerosi passaggi del film. Uno tra tutti, la sequenza attorno al fuoco, un momento idilliaco che è puro e sublime cinema. The Rider poi, con cognizione astuta e mai ricattatoria, ci mostra l’assurdità retrostante simili ambizioni, l’idiozia di vite rovinate per nulla, per uno scopo futile che non è gloria né (vero e proprio) successo, ma solo un sogno acerbo.

the-rider-recensione-film-02

Perché non guardare The Rider

The Rider, film che a tratti pare furbamente concepito per penetrare il mercato dei festival e – più in generale – del cinema indipendente, non piacerà a tutti coloro che non sono in piena sintonia con questo così particolare universo artistico/produttivo. Un film che, dalla metà circa in poi, si scopre tristemente a-narrativo, non-racconto pregno di mestizia, puro lamento dolente incapace di farsi preghiera o invocazione.

the-rider-recensione-film-02

Forte di una fotografia sublime e di un protagonista in stato di grazia, The Rider non manca di fascino, denota alcuni passaggi visivamente seducenti e riesce perfettamente a calarsi nell’anima e nello spirito di un territorio, dei suoi umori e del suo lifestyle. Forse il suo problema è proprio questo: la volontà evidente di spostare lo sguardo dall’intimo all’universale, dall’uomo al territorio (leggi “Paese”) che detta le (influisce sulle) sue ambizioni, il suo stile di vita e i suoi limiti ma l’incapacità (o la mancata volontà) di compiere tale passaggio.

Regia: Chloé Zhao Con: Brady Jandreau, Mooney, Tim Jandreau, Lilly Jandreau, Leroy Pourier, Cat Clifford, Tanner Langdeau, James Calhoon, Terri Dawn Pourier, Lane Scott, Derrick Janis Anno: 2017 Durata: 105 min. Paese: USA Distribuzione: Wanted Cinema

About Raffaele Mussini

Raffaele Mussini
sono nato a Reggio Emilia (RE) il 19 febbraio del 1992 e abito a Campagnola Emilia (RE). Dopo essermi diplomato in un istituto tecnico di ragioneria linguistica e laureato in Marketing e Organizzazione d’Impresa, ho iniziato a scrivere recensioni per il cinema, quindi il mio primo libro “Volontà Rimosse”, seguito da “La perseveranza della pioggia”. Quanto al cinema, ho sviluppato fin da piccolo una fortissima e viscerale passione e già in tenera età sono arrivato a visionare e collezionare ogni tipo di pellicola.

Guarda anche

backtrace-recensione-bluray-copertina

Backtrace – Recensione del Blu-Ray del film con Stallone e Modine

Backtrace: Arriva direttamente in home video con Koch Media, l’intrigante ma imperfetto thriller mnemonico con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.