Home / TV / Serie TV / The Boys – L’altro lato dei Supereroi – Recensione della prima stagione su Prime Video

The Boys – L’altro lato dei Supereroi – Recensione della prima stagione su Prime Video

Disponibile su Amazon Prime Video dal 26 luglio, The Boys, è la serie TV che indaga sul lato oscuro dei superpoteri. Leggi la nostra recensione!

<< In molti ogni anno perdono la vita a causa dei supereroi… Salta fuori un caso ogni tanto, ma sono migliaia quelli che vengono insabbiati… Biglietti del cinema, merchandising, parchi a tema, videogiochi… è un’industria mondiale con fatturati miliardari sostenuta da lobbisti e politici su entrambi i fronti… ma il motivo per cui non ne senti parlare è che nessuno vuole sentirne parlare…>>

Billy Butcher

Era il 2006 quando Garth Ennis e Darick Robertson diedero vita al fumetto The Boys, e l’acquisizione della Marvel da parte della Disney era ancora lontana… ma le parole di Karl Urban, nei panni di uno dei protagonisti, Billy Butcher, suonano oggi come una delle tante “predizioni Simpsoniane”.

the-boys-recensione-serie-01

Questo mensile a fumetti da quest’anno è dunque una serie TV, grazie ad Amazon Prime Video, e non poteva essere distribuita in un momento migliore. Già da tempo i supereroi vengono messi in discussione tra fumetti e loro trasposizioni cinematografiche e televisive. Come Watchmen, Civil War, e ancor più recentemente, Gli Incredibili 2.

La gente ha paura dei Supereroi e di quello che possono fare, arrivando a ritenere che bisognerebbe registrarli, per poterli controllare da vicino, e magari usare a scopi governativi. Se i Vendicatori e la Lega della Giustizia si erano opposti a tutto questo, la spiegazione è forse data da ciò che riesce a combinare dietro le quinte la Vought-American all’interno di questa nuova serie…

Una società a scopo di lucro e a delinquere, un grandissimo monopolio capace di assoggettare le giovani generazioni con i suoi continui moralismi ed edulcorazioni, nascondendo al suo interno migliaia di contraddizioni e comportamenti scorretti e illegali. E come dicevamo, non si può non rivedere in alcune di queste cose la tanto temuta da John Carpenter Disneyzzazione del mondo…

the-boys-recensione-serie-02

Va naturalmente detto che la trasposizione di Eric Kripke di The Boys non è solo un attacco ai personaggi Marvel, ma anche a quelli della DC Comics. Il Patriota ha i colori e la mentalità del vero Capitan America, quello appunto tanto patriottico da essere una canaglia (per citare anche Samuel Johnson e Kirk Douglas), ma ha anche tutti i poteri di un altro simbolo americano, Superman.

Queen Maeve è chiaramente Wonder Woman, Al-Train Flash, Abisso è Aquaman, quindi la satira colpisce tutti… E se in alcune delle storie sopra citate alla fine risulta che il popolo in larga parte si sbagliava a condannare i Super, qua sembrano davvero tutti colpevoli… almeno è ciò che crede l’uomo che ha il volto iconico di Eomer de Il Signore degli Anelli. Se per la Vought il mondo dei Super è tutto bianco, per lui è tutto nero… ma appunto il mondo non è solo bianco o nero, ma ha anche tante totalità di grigio… E molti cuori una volta scuri possono sempre provare a schiarirsi.

The Boys è una di quelle serie TV capace di prenderti fin da subito, perché come Il Trono di Spade è partita subito fortissimo. Grandi caratterizzazioni dei personaggi, dialoghi sublimi, e finali di puntata da cardiopalma, che ti spingono a voler veder subito la puntata successiva. Poi la storia rallenta un po’, dando più spazio all’azione che alla riflessione, fino a un finale che ti fa sudare di curiosità in attesa della prossima stagione, o volerti far recuperare subito i fumetti originali.

the-boys-recensione-serie-03

Prime Video, poi, ti regala una visione particolare, soprattutto da PC, grazie al plugin interno X-Ray, che ti consente, in tempo reale, di conoscere i nomi degli attori e dei personaggi in scena, nonché i titoli delle colonne sonore.

The Boys, dunque, è una ventata di aria nuova in cui i “buffoni in calzamaglia” al cinema e in TV hanno un po’ stufato… e nonostante sia una produzione Amazon, non rinomata per la cura delle edizioni italiane, al pari di Netflix e Sky, per via di lavorazioni troppo frettolose (almeno a sentire alcuni addetti ai lavori) presenta un eccellente doppiaggio con un cast davvero super: Gianfranco Miranda, Superman nel DC Extended Universe, nonché Gordon in Gotham, è Patriota (Antony Starr). Alex Polidori, l’Uomo Ragno di Tom Holland, è Al-Train (Jessie Usher). Luca Mannocci, Flash in Justice League, è Abisso (Chace Crawford), e Francesco Bulckaen, il Doctor Strange di Benedict Cumberbatch è l’antagonista principale dei superdotati Billy Butcher. Un team diretto da Eleonora De Angelis, che ha anche doppiato il personaggio di Madelyn Stillwell (Elisabeth Shue), la presidente della Vought-American.

Regia: Dan Trachtenberg, Jennifer Phang, Philip Sgriccia, Frederick E.O. Toye. Con Nathan Mitchell, Erin Moriarty, Jessie Usher, Karl Urban, Jennifer Esposito, Jack Quaid, Elisabeth Shue, Colby Minifie, Jess Salgueiro, Brittany Allen, Bruce Novakowski, Laz Alonso, Sarah Camacho, Shaun Benson, Nicola Correia-Damude Anno: 2019 Durata: 60 min. Numero episodi: 8 Paese: USA Distribuzione: Amazon Prime Video

About Valerio Brandi

Avatar

Guarda anche

dont-die-minerva-recensione-game-copertina

Don’t Die Minerva! – Xaviant porta le atmosfere dei film di Tim Burton su PC e Xbox One! – Recensione

Con un roguelike delizioso e riuscitissimo, il giovane team di sviluppo statunitense Xaviant, ci regala …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.