Home / RECENSIONI / Submergence: un cambio di rotta nel cinema di Wim Wenders

Submergence: un cambio di rotta nel cinema di Wim Wenders

Submergence: Wim Wenders compie rispetto al proprio cinema un inaspettato cambio di rotta, che potrà contrariare chi ha amato il suo passato stile eccentrico, languido, fortemente realista eppure allo stesso tempo vagamente grottesco.

James (James McAvoy) è un cooperante internazionale che in realtà lavora per lo spionaggio britannico, Danielle (Alicia Vikander) una bio-matematica che studia i fondali degli oceani. I due s’incontrano su una spiaggia della Normandia e s’innamorano, ma pochi giorni dopo lui parte per un lavoro in Somalia, mentre lei prenderà parte a un rischioso progetto di ricerca nel Mar Glaciale Artico. Il forte amore che li lega rappresenterà, nonostante la distanza, l’unico modo per far fronte alle dure prove che entrambi dovranno affrontare.

submergence-recensione-film-01

Cosa funziona in Submergence

Funziona sopra ogni altra cosa l’alchimia tra i protagonisti, la grazia fragile di lei contrapposta prima e amalgamata poi all’irrequietezza consapevole di lui. Tutta la prima parte del film, complice anche un buon lavoro di scrittura oltre che di performance, è corpo e cuore, sentimento libero e autentico in grado di appiccicarsi all’emotività di noi che guardiamo.

submergence-recensione-film-01

Perché non guardare Submergence

James viene rapito da un gruppo di estremisti islamici e la seconda parte del film è prettamente politica. Riflessioni interessanti sul piatto, figure di rilievo e non trascurabile spessore (il dottore), per un film che però scivola troppo spesso nel rischio del polpettone sentimentale. Irriconoscibilmente girato da un Wim Wenders dimentico del proprio cinema, Submergence evidenzia una regia schematica alla costante ricerca della metafora. Fuor di tutto quanto detto fino ad ora, è forse il finale (più ambiguo o più insignificante?) a convincere meno in quest’ultima fatica del grande regista tedesco.

Submergence ad ogni modo non lascia certo spazio alla noia: l’adozione del flashback come linea narrativa crea un’istantanea dipendenza dal racconto e dal suo sviluppo, garantendo una suspance in costante crescendo. Un’opera a metà, che fa vibrare le corde del cuore ma non dice nulla di nuovo, nonostante si ponga fin dall’inizio l’evidente obiettivo contrario.

Submergence è al cinema dal 22 Agosto con Movies Inspired

Regia: Wim Wenders Con: Alicia Vikander, James McAvoy, Alex Hafner, Audrey Quoturi, Celyn Jones, Harvey Friedman, Jess Liaudin, Godehard Giese, Matthew Gallagher, Clémentine Baert, Karim Wallet, Jannik Schümann, Jean-Pierre Lorit, Marie-Anne Cambon Bonavita, Andrea Guasch, Adam Quintero, Julien Bouanich, Thibaut Evrard, Loïc Corbery, Franck Rosazza, Antoine Bouchayer-Mallet, Reda Kateb Anno: 2017 Durata: 112 min. Paese: USA, Germania, Francia, Spagna Distribuzione: Movies Inspired

About Raffaele Mussini

Raffaele Mussini
sono nato a Reggio Emilia (RE) il 19 febbraio del 1992 e abito a Campagnola Emilia (RE). Dopo essermi diplomato in un istituto tecnico di ragioneria linguistica e laureato in Marketing e Organizzazione d’Impresa, ho iniziato a scrivere recensioni per il cinema, quindi il mio primo libro “Volontà Rimosse”, seguito da “La perseveranza della pioggia”. Quanto al cinema, ho sviluppato fin da piccolo una fortissima e viscerale passione e già in tenera età sono arrivato a visionare e collezionare ogni tipo di pellicola.

Guarda anche

backtrace-recensione-bluray-copertina

Backtrace – Recensione del Blu-Ray del film con Stallone e Modine

Backtrace: Arriva direttamente in home video con Koch Media, l’intrigante ma imperfetto thriller mnemonico con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.